A CAMPO IMPERATORE “LO ZIO” DA RECORD, IN DUEMILA PER L’INAUGURAZIONE

L’AQUILA – Duemila fra aquilani e turisti hanno salutato l’apertura dell’Ostello Campo Imperatore Lo Zio, che diventa di diritto il più alto d’Europa con i suoi 2115 metri di altitudine. Un’inaugurazione affollatissima, ai piedi del Corno Grande sul Gran Sasso, baciata dal sole.

Entusiasti ed emozionati i gestori della struttura, i fratelli Daniele e Andrea Mancini, 32 e 35 anni, gli stessi della Bottiglieria Lo Zio nel centro storico dell’Aquila, attualmente chiusa per lavori di ristrutturazione, e del ristorante pizzeria La Capannina Lo Zio, nella frazione di Roio.

Presenti all’inaugurazione anche il vice sindaco del Comune dell’Aquila Guido Quintino Liris e l’assessore alla Cultura e al Turismo Sabrina Di Cosimo.

“Abbiamo sentito tutto il calore della gente, salita fin qui per brindare insieme a noi a un futuro ricco di speranza per questo territorio – dicono i gestori in una nota – È un momento molto importante per il rilancio delle nostre montagne. Per noi è una grande sfida, ma la accettiamo con piacere in nome dell’amore per questa città. Siamo dentro un processo di ricostruzione in cui noi giovani abbiamo il dovere di fare la nostra parte”.

L’ostello, di proprietà del Comune, è tornato in funzione completamente ristrutturato, con un bar, una sala ristorante da 100 posti e 10 camere con 24 letti.

L’aperuta dell’ostello era molto attesa, tanto che ai gestori sono già arrivate prenotazioni da Treviso, Brescia, perfino dalla Svizzera. “Stare da noi significa godere di una situazione unica: soggiornare nell’Ostello più alto d’Italia e d’Europa, con vista sul Corno Grande”, spiegano. I fratelli Mancini contatteranno la commissione dei Guinness per ufficializzare il record relativo all’altitudine.

L’ingresso dell’ostello è collegato direttamente all’arrivo della funivia da un tunnel, che porta fino alla stazione sciistica, anch’essa da poco totalmente rinnovata.

“In pratica, si potrà uscire dalla porta stando già sugli sci. In estate, tutto è ancora più suggestivo: da qui è possibile intraprendere i sentieri che conducono verso le numerose vette del massiccio. Abbiamo mille idee, stiamo già prendendo contatti con i tour operator di tutta Italia”, aggiungono.

A circa 150 metri si trova poi l’Osservatorio Astronomico di Campo Imperatore, meta ogni anno di migliaia di visitatori, dai più appassionati di astronomia agli studenti universitari e bambini. L’ostello sarà la meta ideale per comitive di escursionisti, ciclisti, camperisti, bikers e viaggi organizzati.

La giornata ad alta quota è stata scandita dal ritmo della musica dal vivo della band Muffa Rialzo e dal dj set di Inobeat feat Reuben Feffer. Dal pomeriggio, la festa si è spostata al rifugio Mandolò, a Fonte Cerreto, con musica e carne alla brace.

L’ostello sarà aperto tutti i giorni e in questo periodo è raggiungibile esclusivamente con la funivia da Fonte Cerreto ad Assergi. Ulteriori info si trovano sulla pagina Facebook “Ostello Campo Imperatore Lo Zio” e sul sito www.ostellocampoimperatore.com.

Articoli correlati