A COCCONATO NEL WEEKEND CENA PROPIZIATORIA, CORTEO E PALIO DEGLI ASINI

COCCONATO – È arrivato il momento più atteso a Cocconato (Asti), incantevole borgo nel Monferrato astigiano: l’annuale serie di appuntamenti all’insegna delle rievocazioni medievali, iniziata nei giorni scorsi con la Fiera che è stata organizzata dai rioni del paese, culminerà in questo week-end con la Cena Propiziatoria di sabato e la sfilata storica e il Palio degli Asini di domenica.

Sabato 22 settembre è la volta della cena propiziatoria. Viene servito nel Salone del Cortile del Collegio un “banchetto de vivande de la Corte”, tra buffoni e giullari. Un vero e proprio banchetto con piatti che rispecchiano il menu dell’epoca medievale si allestisce ogni anno per questa cena di buon auspicio in vista della corsa del Palio.

Tra i commensali, i Conti Radicati Ottobono e Mafalda Di Cocconato, i loro ospiti Guglielmo VII e la consorte Beatrice e i Nobili dei Borghi, annunciati dal Ciambellano di corte; tutti possono partecipare. La cena inizia alle 20.

Menu: robiola con funghi, insalata di verdure miste, toma e noci, cipolla ripiena, pappardelle con sugo di verdure, cinghiale con polenta, dolce; acqua, vino e vino aromatizzato.

Il costo è di 30 euro a persona. Per informazioni e prenotazioni: Comune di Cocconato 0141-907007.

Domenica 23 l’atteso Palio degli Asini. La sfida tra i sette borghi di Cocconato (Airali dai colori rosso-blu, Brina dai colori bianco-rosso, Colline Magre dai colori giallo-verde, Moransengo dai colori rosa-azzurro, San Carlo dai colori bianco-marrone, Torre dai colori giallo-rosso e Tuffo dai colori giallo-blu) si rinnova da quasi mezzo secolo e si svolge in due batterie nelle quali due corridori per squadra spingono gli asini in gara sull’anello tra piazza Giordano e piazza Cavour, in un contesto di difficoltà dettato dalla salita e, in discesa, tra le strette vie che fino all’ultimo balzo non svelano la prima squadra che taglierà il traguardo.

La corsa è preceduta da una sfilata di oltre 700 figuranti in abiti storici tra le strade del centro del paese, con inizio alle 15: dame, cavalieri, mercanti, popolani evocheranno i quadri preparati nel corso dell’anno dai diversi borghi in una rievocazione che si basa su fatti storicamente documentati e personaggi che vissero a Cocconato tra il 1200 e il 1400.

Il Palio di Cocconato nacque come sfida tra i borghi del paese e sulle ali di antiche leggende legate alla storia medievale del luogo, quando i Conti Radicati giocavano un ruolo di grande importanza tra le contese dei Marchesi del Monferrato, Asti e i Savoia. Le cronache del tempo narrano che un incendio divampò nel castello e per spegnare le fiamme i Cocconatesi iniziarono una generosa colonna verso la valle in cui scorreva il ruscello: caricando botti d’acqua sui dorsi degli asini contribuirono a salvare la roccaforte. Per ringraziare della collaborazione, i Conti Radicati indissero un torneo al centro del quale vi era una corsa di asini e in premio il vessillo del Casato. Con il trascorrere del tempo la manifestazione ha assunto un carattere di rievocazione storica.

Si può assistere alla sfilata e al Palio dalle tribune di piazza Giordano (18 euro a persona). Per informazioni e prenotazioni: Comune di Cocconato 0141-907007

“Il nostro Palio è arrivato alla 49esima edizione – commenta in una nota il sindaco Monica Marello –. Ci avviciniamo al mezzo secolo per questo appuntamento che rappresenta uno degli eventi più importanti per Cocconato. Una rievocazione che impegna il paese a 360 gradi, coinvolgendo giovani, famiglie e appassionati. Ogni anno ci sono stati progressi e miglioramenti nella qualità e nel livello e sono più che mai orgogliosa del risultato raggiungo: un appuntamento bello, interessante, con una solida base documentale. Un’occasione in più per approfondire la storia del nostro paese e far conoscere ai turisti, che ormai arrivano da tutta Italia e dall’estero, storia e aneddoti di Cocconato e del Monferrato”.

Articoli correlati