DALLE ANTICHE CANTINE DEL BORSACCHIO ALLA SCOPERTA DI VINO ED ERBE SPONTANEE

ROSETO DEGLI ABRUZZI – Torna l’escursione gratuita per riscoprire un tesoro di storia ed un patrimonio di biodiversità lungo i percorsi sconosciuti della splendida Riserva Borsacchio, partendo da una straordinaria ed esclusiva visita guidata all’interno delle antiche cantine Mazzarosa Devincenzi con i loro tesori e gli incredibili oggetti custoditi nel museo.

Il giorno 11 agosto alle ore 16,00 la partenza è fissata dalle antiche cantine Mazzarosa Devincenzi lungo la SS16 in contrada Borsacchio 6 a Roseto degli Abruzzi (Teramo) alla scoperta di una struttura unica e secolare, dove esperti parleranno delle tecniche di vinificazione con accesso esclusivo al museo di carrozze d’epoca e di macchinari agricoli idraulici ed a vapore di fine ottocento.

Si proseguirà poi lungo il famoso viale degli ulivi verso Colle Magnone, una facile camminata di circa trenta minuti, che rappresenta il punto più panoramico della Riserva e , lungo il tragitto, gli esperti presenti faranno scoprire le erbe spontanee ed i loro usi.

Un viaggio fra storia e natura totalmente gratuito, come negli scorsi anni, che punta a valorizzare la Riserva Borsacchio ferma e non gestita ufficialmente da ormai 13 anni e lasciata all’amorevole cura dei volontari.

In questa stagione estiva le Guide del Borsacchio e le altre associazioni ambientaliste hanno organizzato oltre venti eventi di divulgazione e con finalità turistiche e di promozione, portando nella Riserva oltre duemila turisti senza nessun onere per il comune. Un segnale inequivocabile che questi luoghi sono un patrimonio ed una risorsa per l’intera città che porta non solo a conoscere luoghi ma a promuovere le attività che vivono all’interno della riserva.

Organizzato da Wwf, Guide Del Borsacchio, Roseto Cammina ed ErbAmata , con il patrocinio del Comune di Roseto Degli Abruzzi e dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano.

In collaborazione con le grandi associazione ambientaliste Legambiente, Italia Nostra, Centro Studi Cetacei e con le associazioni di tutela ambientale come le Guardie Ambientali e delle Giacche Verdi e con l’Oasi Wwf Calanchi di Atri e con la partecipazione del Circolo Chaikana, Abruzzo Beni Comuni, No Triv, Guide del Cerrano, Brucare, Positivamente e con l’aiuto dei richiedenti asilo del Residence Felicioni.

Un evento imperdibile che sarà seguito da altri eventi unici e di livello nazionale.

Articoli correlati