L’AQUILA, GIORNO PER GIORNO ECCO IL PROGRAMMA COMPLETO DELLA 724ESIMA PERDONANZA CELESTINIANA

foto Francesco Di Sero

L’AQUILA – Sarà presentato domattina, nel corso di una conferenza stampa nella sede comunale a Palazzo Fibbioni, il programma ufficiale della Perdonanza Celestiniana numero 724.

L’evento estivo più atteso nell’estate dell’Aquila animerà le vie del centro storico, come sempre, dal 23 al 29 agosto prossimi.

Virtù Quotidiane ha visionato il programma completo, parte del quale era stato anticipato dallo stesso Comitato Perdonanza nelle scorse settimane.

Si parte giovedì 23 agosto, nella sala del Consiglio comunale a Villa Gioia, con una commemorazione di Tullio De Rubeis, il sindaco dell’Aquila che all’inizio degli anni ’80 ebbe l’intuizione di avviare l’era moderna della Perdonanza Celestiniana.

Prima della cerimonia di apertura, con la rituale accensione del tripode (ore 21,30 nel piazzale di Collemaggio), ci sarà spazio per la presentazione del restauro dell’affresco di Celestino V.

Dopo l’arrivo del Fuoco del Morrone e l’accensione, l’orchestra dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese, quella del Conservatorio “Casella” e le corali cittadine saranno diretti dal maestro Leonardo De Amicis – direttore artistico dell’intera manifestazione – per l’evento musicale d’apertura dell’edizione 2018. Sul palco, tra gli altri, saliranno Riccardo Cocciante, Red Canzian, Ted Neeley, Lisa, Suor Cristina, Jò Di Tonno e Maurizio Trippitelli.

Venerdì 24 diversi gli incontri e le tavole rotonde, in centro storico ma anche nella frazione di Assergi.

In serata concerto della Fanfara dei Carabinieri (ore 18,30) al Parco del Sole, in quello che sarà il primo concerto nell’anfiteatro realizzato da Beverly Pepper e inaugurato la scorsa settimana. Alle 21,30 Ted Neeley sarà il protagonista di Jesus Christ Superstar in piazza Duomo.

Il sabato della Perdonanza si apre invece nella Basilica di Collemaggio, dalla quale partirà un tour della città “alla scoperta degli antichi simboli”, e un itinerario guidato nella stessa chiesa, dedicato alle persone con disabilità visiva (il giorno successivo si replica per persone con disabilità uditiva).

Sempre in mattinata, in zona, spazio alla “Manifestazione delle Carrozze – Coppa del Colle”, evento solitamente si svolge a Collepietro (L’Aquila). La giornata sarà chiusa da Riccardo Cocciante sul piazzale di Collemaggio.

Per domenica 26 il Cai dell’Aquila organizza una gita mattutina da San Pietro della Ienca a Collemaggio, dove ci sarà anche la 39esima edizione della Campestrina della Perdonanza. Mentre per tutto il giorno, tra le zone di San Bernardino e San Basilio, gli scout saranno i protagonisti di “Ripulire la città”, un’iniziativa volta a “cancellare scritte, graffiti e vandalismi compiuti con spirito di odio sui muri della nostra città”.

Nel pomeriggio convegno sulle migrazioni a Palazzetto dei Nobili, che anticiperà uno spettacolo a cura degli Sbandieratori del capoluogo a piazza Duomo e un altro sulla Dama della Bolla all’Emiciclo.

Lunedì piazza San Basilio sarà la location per la “Maratona della solidarietà”. Per tutto il giorno “interventi di giornalisti, uomini di cultura e testimoni della sofferenza del Centrafrica segnato dalla povertà, dalla fame, dalla guerra e anche da molte malattie tra cui l’Aids”.

Da segnalare, dalle ore 19, “L’Aquila suona (i luoghi ritrovati della città)”: ben 17 tra vie, piazze e cortili del centro saranno invasi dalla musica, in un’iniziativa che ricorda la fortunata “Isola sonante” che animò la Perdonanza negli anni ’80 e ’90.

Martedì 28, come da tradizione, sarà il giorno più importante della manifestazione. Dopo un incontro mattutino con le città gemellate, alle ore 16 via al corteo storico, che si snoderà da palazzo Fibbioni, per arrivare sul prato di Collemaggio intorno alle 17,45. Alle ore 18, l’apertura della Porta Santa, che sarà chiusa circa 24 ore dopo, anticipando il “corteo di rientro” della Bolla di Papa Celestino V.

L’edizione numero 724 della Perdonanza si chiuderà in piazza Duomo, con uno spettacolo degli sbandieratori, e contemporaneamente sul piazzale di Collemaggio (chiamato quest’anno “Teatro del perdono”) con Francesco De Gregori.

Numerose anche quest’anno personali di pittura, mostre, presentazioni di libri, mercati (anche di solidarietà, come quello organizzato da Unicef in piazza Duomo), e persino il “Il gioco della pecora – Gioco dell’oca aquilano”, un gioco a 99 caselle sui temi del territorio aquilano, con particolare riferimento ai Quarti e ai simboli della Perdonanza, aperto a bambini e adulti.

Articoli correlati