È DI MASSIMO FAGIOLI LA MIGLIOR PORCHETTA DEL 2018 DECRETATA A CAMPLI

CAMPLI – Il camplese Massimo Fagioli si è aggiudicato la Coppa per la migliore porchetta decretata dalla giuria popolare alla 47esima Sagra della Porchetta italica di Campli (Teramo), che sta facendo registrare un record di presenze e si conclude stasera.

Al secondo posto Fulvio Pallotta e al terzo Emidio Falasca. Il premio speciale della giuria è andato all’azienda agricola De Federicis Barbara di Basciano (Teramo) alla sua prima partecipazione, che ha ricevuto in premio il “Sigillo del Guerriero”, originale creazione Formeoro del maestro d’arte applicata in metalli e oreficeria camplese Massimo D’Amario, dedicata al territorio camplese.

Forte l’applauso emozionato della piazza anche a ricordo del giovane sostenitore della Pro loco Moreno Esposito, a cui è stata dedicata una targa in memoria.

Grazie alla grande partecipazione, più di 300 porchette vendute e più di 150.000 persone hanno riconfermato Campli come la più amata dal pubblico. Un altro dato che dimostra quanto questo evento sia oramai affermato e diffuso – si legge in una nota degli organizzatori – è la forte affluenza da zone anche lontane dal comprensorio teramano, ne è la conferma il forte richiamo anche dalle zone di Pescara, Chieti e dalla regione Marche, con maggiore accento dalle provincie di Ascoli Piceno e Macerata.

Valore aggiunto durante i giorni della manifestazione è stata la presentazione di libri e convegni tenutisi nell’ufficio turistico al compianto Giammario Sgattoni, nel decennale della sua scomparsa. Molto valorizzati anche tutti i monumenti della città che sono rimasti eccezionalmente aperti per l’evento, accessibili al grande pubblico, nell’anno in cui Campli è stata ammessa nell’esclusivo Club dei “Borghi più Belli d’Italia”.

Articoli correlati