A CAMPO DI GIOVE UN PROGETTO DI TURISMO ESPERIENZIALE E DI COMUNITÀ


CAMPO DI GIOVE – Un ambizioso progetto di turismo esperienziale e di comunità, che unisce i concetti di ospitalità, sostenibilità, responsabilità e collaborazione.

È “Campo Di Giove… comunità in movimento”, messo in campo dalla Cooperativa di comunità Tavola rotonda di Campo di Giove (L’Aquila), grazie al finanziamento ottenuto dalla Fondazione Carispaq e con il contributo di Comune, Confcooperative Abruzzo, Borghi in Rete e la collaborazione dell’Accademia Sulmonese di Fotografia, la Comunità Slow Food per la valorizzazione del fagiolo Gialletto campogiovese, la Proloco, ristoratori e guide escursionistiche.

Il progetto – informa una nota – nasce con l’esigenza di creare a Campo di Giove un’offerta turistica integrata, nella consapevolezza che “Comunità Ospitale” è sinonimo di crescita culturale in cui è necessario lo scambio di esperienze tra il visitatore e la comunità locale.

“L’obiettivo”, spiegano i promotori, “è quello di valorizzare gli aspetti positivi della nostra identità culturale, figlia dell’ambiente che ci circonda e caratterizzata, fino a qualche decennio prima della fine del secolo scorso, dalle tradizioni agricole e pastorali, a cui si integrano perfettamente oggi la gastronomia e l’accoglienza”.

Attraverso “l’ascolto” mediante i cinque sensi si vuol promuovere e sostenere le qualità e le eccellenze di Campo Di Giove, raccontare in maniera inedita il territorio lungo l’intero anno solare, offrire al visitatore un’esperienza nuova durante un percorso caratterizzato dal susseguirsi delle stagioni e dalle loro peculiarità, coinvolgendo popolazione locale e visitatori come protagonisti in tutte le principali fasi di azione, dalla conoscenza dell’ambiente storico e naturalistico alla produzione agricola, dalla preparazione del terreno alla semina, dalla raccolta alla degustazione del piatto.

Agricoltura e ambiente dunque, vissuti non solo con l’acquisizione di emozioni, ma anche con la produzione di immagini che parteciperanno ad un concorso fotografico e ne accompagneranno l’esperienza, come ricordo da custodire nel tempo.

Tra le diverse attività proposte ci sono la visita agli orti eroici di montagna, la manifestazione Seminare il futuro, le feste del Risveglio primaverile, della Panificazione di comunità, del Solstizio d’estate, la Festa del raccolto, il Festival delle Cooperative di Comunità e il concorso fotografico “Foto in Campo”.

Primo appuntamento è la quarta edizione di “Seminare il Futuro” dedicata quest’anno alla Festa del Raccolto, che si terrà il 16 e 17 ottobre all’interno del meraviglioso borgo antico di Campo di Giove.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021