A FAGNANO ALTO UN CEDRO DAL LIBANO IN MEMORIA DEI CRISTIANI PERSEGUITATI

foto Julian Civiero

FAGNANO ALTO – Verrà posizionato a Fagnano Alto (L’Aquila), nella frazione di Corbellino, un cedro arrivato in Italia direttamente dal Libano in memoria di tutti i cristiani perseguitati nel mondo.

L’appuntamento per la cerimonia è domani, domenica 29 dicemebre alle 16,30.

“Un cedro nel Parco Regionale Sirente Velino – scrivono gli organizzatori – da dedicare alla memoria di tutti i cristiani perseguitati nel mondo. Il cedro, donato dalla famiglia Selwan Khoury e dal direttore del Centro Studi sul Medio Oriente Bernard Selwan El Khoury, è arrivato in Italia poche settimane fa, spedito dal Libano, e ci è sembrato giusto approfittare di questi giorni di festa per posizionarlo nella frazione di Corebllino, a Fagnano Alto. Un gesto simbolico, che vuole dimostrare la vicinanza di un territorio che tanto ha dato alla storia della cristianità europea e che in questi anni di persecuzioni e violenze si sente in dovere di donare un pensiero a tutti gli uomini e le donne perseguitate per la loro fede”.

“Sarà un momento di raccoglimento e comunità – concludono i promotori dell’iniziativa – che speriamo di poter replicare anche negli altri comuni del territorio”.

Alla cerimonia prenderanno parte il sindaco di Fagnano, Francesco D’Amore, il consigliere provinciale Francesco De Santis, il commissario del Parco Regionale Sirente Velino Igino Chiuchiarelli, il direttore del Centro Studi Cosmo e donatore del cedro Bernard Selwan El Khoury.

Dopo la benedizione del cedro, presso l’ex chiesa di San Sebastiano ci sarà il concerto di Capodanno organizzato dall’associazione “I Borghi di Fagnano” e a seguire un momento conviviale.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021