A LANCIANO SALTA PER LA PRIMA VOLTA LA RIEVOCAZIONE DEL MASTROGIURATO


LANCIANO – Per la prima volta annullata a Lanciano (Chieti) la rievocazione storica del “Mastrogiurato”, manifestazione che quest’anno avrebbe compiuto 39 anni.

La solenne cerimonia dell’investitura e l’intera settimana medievale, compreso il mercato internazionale, sono state annullate per ragioni di sicurezza.

“Non avrei mai voluto trovarmi di fronte a una scelta del genere – ha detto il presidente Danilo Marfisi – ma quando si tratta di salute pubblica non ci sono argomenti che tengano. Abbiamo cercato fino alla fine una soluzione che salvasse la manifestazione, tenendola a un livello di dignità assoluta”.

Dopo incontri con forze dell’ordine e Comune è emersa la necessità di non utilizzare piazza Plebiscito, ma di confinare tutto, anche la cerimonia d’investitura del Mastrogiurato, alle Torri Montanare, con pubblico ridotto a 150 persone. Poi si è deciso l’annullamento.

Anticamente il Mastrogiurato, reale personaggio storico, veniva scelto tra i personaggi moralmente probi di Lanciano; nei giorni delle fiere assumeva il pieno controllo della città, con potere assoluto in campo penale e civile per garantire la regolarità dei mercati, anche attraverso severi controlli su pesi e misure.

Marfisi, membro dei direttivi italiano ed europeo delle Federazioni giochi e manifestazioni storiche, lancia un appello alla Regione affinché eroghi presto i contributi per le tre manifestazioni storiche d’Abruzzo: ci sono anche la Perdonanza Celestiniana all’Aquila e la Giostra Cavalleresca di Sulmona.

Stesso invito al Comune di Lanciano.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.