A NORCIA LA 58ESIMA MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO NERO PREGIATO


NORCIA – “L’Italia è questa. Abbiamo dei gioielli che dobbiamo valorizzare. I nostri prodotti agroalimentari sono di fondamentale importanza, li dobbiamo promuovere e soprattutto difendere, anche dagli attacchi che arrivano da chi vorrebbe copiarci”. È quanto ha affermato il sottosegretario all’Agricoltura Francesco Battistoni, in occasione dell’inaugurazione, nella città di san Benedetto, della 58esima edizione di Nero Norcia, la mostra mercato nazionale del tartufo nero pregiato e dei prodotti tipici. Circa 50 gli stand.

All’inaugurazione erano presenti anche il commissario straordinario alla Ricostruzione Giovanni Legnini e, per la Regione Umbria, la presidente Donatella Tesei e l’assessore Roberto Morroni.

“Una giornata davvero unica – ha detto il sindaco Nicola Alemanno – perché si sono concatenate una serie di circostanze fortunate che lasciano sperare per il prossimo futuro. Inauguriamo la 58esima edizione della mostra mercato e abbiamo anche acceso la Fiaccola di san Benedetto alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella“.

“Abbiamo le carte in regola – ha aggiunto, fra l’altro, Tesei – per poter dire a chi vorrà venirci a visitare che l’Umbria è una regione sicura. La nostra zona bianca, che non abbiamo mai perso, è sicuramente un bollino di attrattività”.

La manifestazione è andata avanti per tutto il fine settimana. Tra prosciutto Igp e norcinerie, prodotti caseari, lenticchie Igp di Castelluccio e prodotti di apicultura, protagonista assoluto resta il tartufo nero pregiato, da acquistare direttamente dagli espositori o assaporare nei ristoranti della città, scegliendo i menù appositamente creati per l’occasione al costo di 60 euro.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2023