ABRUZZO VERSO LA ZONA BIANCA DAL 7 GIUGNO


PESCARA – Se il trend delle ultime settimane dovesse essere confermato e se non si assisterà ad un nuovo peggioramento, l’Abruzzo potrebbe passare in zona bianca dal 7 giugno. Stando alla road map esaminata dalla Cabina di regia nazionale presieduta dal premier Mario Draghi e alla quale ha partecipato anche il Cts, dal primo giugno dovrebbero entrare in zona bianca Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna.

Dal 7 giugno, sempre che il trend dei contagi e delle ospedalizzazioni resti quello attuale, potrebbe toccare all’Abruzzo, insieme a Veneto e Liguria.

Nelle regioni in zona bianca valgono solo le regole di comportamento, tra cui utilizzo della mascherina e distanziamento interpersonale. Non c’è, invece, il coprifuoco.

Nonostante la zona bianca rappresenti, di fatto, una riapertura totale, restano comunque sospese le attività in sale da ballo, discoteche e simili, all’aperto o al chiuso, restano sospese. In Abruzzo l’incidenza settimanale dei casi per centomila abitanti, in costante calo, è a 54: la soglia al di sotto della quale scatta la zona bianca è 50. Il tasso di occupazione dei posti letto – altro parametro che incide nella classificazione dei territori – è all’11% per le terapie intensive e al 15% per l’area medica. Entrambi i dati sono lontanissimi dalla soglia di allarme, rispettivamente del 30 e del 40%.

A livello territoriale la situazione migliore resta quella del Pescarese, che ha un’incidenza inferiore a 50 da quasi un mese: il dato al momento è pari a 31. Seguono il Teramano, che oggi, con 42, registra il dato più basso dall’inizio dell’anno, il Chietino (64) e l’Aquilano (73).

Solo 20 i nuovi casi accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Sono emersi dall’analisi di 787 tamponi molecolari: è risultato positivo il 2,54% dei campioni. Tre i decessi recenti: il bilancio delle vittime sale a 2.457. La provincia di Pescara, come già avvenuto nei giorni scorsi, azzera i contagi. I nuovi positivi hanno età compresa tra 8 e 69 anni.

Quelli con meno di 19 anni sono 6, tutti residenti in provincia di Chieti. I tre decessi, uno dei quali relativo ai giorni scorsi e comunicato solo oggi dalla Asl competente, riguardano persone di età compresa tra 62 e 82 anni: due in provincia di Chieti e una in provincia di Pescara. Gli attualmente positivi sono 6.877 (-51): 202 pazienti (+3) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva e 21 (-1, con un nuovo ingresso) sono in terapia intensiva, mentre gli altri 6.654 (-93) sono in isolamento domiciliare.

I guariti sono 63.928 (+108). Intanto è boom di prenotazioni per il vaccino contro il Covid-19, in Abruzzo, per la fascia di età 40-49 anni. Dalle 12.00, orario di apertura della piattaforma, alle 17.30, sono 33.689 le richieste presentate sul portale. Nel giro di cinque ore e mezza ha prenotato circa il 20% degli utenti interessati. Le somministrazioni dovrebbero prendere il via l’8 giugno, ma le singole Asl si organizzeranno autonomamente.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021