ALL’AQUILA NIENTE PROCESSIONE DEL CRISTO MORTO, È LA SECONDA VOLTA DAL 1954


L’AQUILA – La Processione del Venerdì Santo “non s’ha da fare”. In considerazione dell’emergenza sanitaria in corso la Congregazione per il Culto divino e la Disciplina dei Sacramenti, già dal 19 marzo scorso ha emesso disposizioni di sospensione dei riti di culto popolare che caratterizzano la Settimana Santa dando la possibilità di recuperarli, a giudizio del vescovo, in altra data, indicando come possibile rinvio il prossimo 14 o 15 settembre.

Tuttavia la comunità dei frati di San Bernardino e l’Associazione dei Cavalieri del Venerdì Santo per dare un senso di continuità all’edizione numero 66 dalla Processione del Cristo Morto sono riusciti, con la collaborazione degli operai del Comune, a far istallare le tre croci sul sagrato della basilica di San Bernardino.

Inoltre comunicano che, nel rispetto della tradizione del Venerdì Santo, i fedeli potranno visionare il suggestivo filmato dell’edizione 2010, nel 2009 per la prima volta dal 1954 non si disputò, caricato sul sito dell’associazione www.venerdisanto.it nella sezione “Storia della Processione”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.