ALL’AQUILA RIAPRE LA STORICA PIZZERIA GRAN SASSO MA CAMBIA NOME


L’AQUILA – Nonostante non abbia ancora aperto, si sente già su Corso Federico II nel cuore del centro storico dell’Aquila un profumo buono e invitante, perché sta per tornare la storica pizzeria al taglio al piano terra della Galleria Irti.

Non ci sarà la gestione che ha portato avanti il locale fino al terremoto del 6 aprile e che tutti ricordano, ma quella degli storici proprietari delle mura, la famiglia Fossi, composta da Alfredo, dal fratello Fabrizio e dal figlio Roberto, 25enne laureato in Scienze della Comunicazione, accomunati non solo dal legame di sangue e dalla voglia di tornare in centro, ma dalla passione per la pizza.

“Finalmente torniamo a casa!”, è il commento di Alfredo, che da piccolo ha frequentato molto questo posto: dove oggi c’è la pizzeria, la nonna Filomena prima ancora che venisse costruita la Galleria Irti, aveva una tradizionale cantina e tanti sono stati gli aquilani che ci si ritrovavano per una gassosa, una spuma, o un bicchiere di vino servito in quei bicchieri in vetro trasparenti che oggi non si usano più e che raccontano la storia di una volta, in un tempo in cui bastavano un mazzo di carte e la voglia di stare bene per divertirsi.

Alfredo ha poi lavorato per tanti anni nel settore degli autoricambi, fino al 2017, quando si è trovato davanti a un bivio.

“Volevo cambiare qualcosa nella mia vita e ho avuto l’opportunità di andare via dall’Aquila e ricominciare fuori – racconta – Ma ho sentito forte il richiamo della mia terra e ho capito che non potevo abbandonare le mie radici, ma dovevo ricominciare da questo posto, dove tanti anni fa si era spesa mia nonna, tra la mia gente”.

E quindi i due fratelli e il giovane Roberto si sono specializzati nel settore con un corso da pizzaioli: “Anche mio figlio ha puntato tutto su questa scommessa, dopo aver finito il suo percorso di studi universitari. Sono felice di fare qualcosa che possa rimanere anche a lui, proprio come avevano fatto con noi i nonni”.

La formula della pizzeria Del Corso, ex pizzeria Gran Sasso, sarà molto semplice e fedele alla tradizione.

“Pizza al taglio con un impasto molto digeribile e una lunga lievitazione – assicura Alfredo – con un’attenzione particolare per materia prima e ingredienti, tutti di qualità e soprattutto del territorio, che ci regala delle vere e proprie gemme preziose, come la salsiccia, la mozzarella, ma anche l’olio o gli ortaggi”.

“Punteremo anche a qualche etichetta di birra particolare, e più in là, se ci riusciamo, vorremmo allargare introducendo anche una piccola gastronomia, con qualche fritto come i supplì o le crocchette di patate; cose semplici, ma sempre tanto buone!”.

A lavoro nella decorazione del locale, intanto, l’artista Daniele Gottastia che sta arricchendo la parete dietro al bancone con uno scorcio del Corso.  (red.)

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021