CAPORALATO NEL FUCINO, SCOPERTE 11 AZIENDE IRREGOLARI E 90 BRACCIANTI IN NERO

foto d'archivio

AVEZZANO – Undici aziende agricole, risultate tutte irregolari, 92 braccianti agricoli di cui 90 provenienti da Paesi extra-UE trovati illeciti per lavoro “in nero”‘, violazioni in materia di orario di lavoro e di sicurezza nei luoghi di lavoro riferiti a 52 lavoratori.

È uno dei risultati del blitz “Alt Caporalato”, nella zona dell’Agro Fucino eseguita da una task force composta dagli Ispettorati Territoriali del Lavoro di L’Aquila – quale coordinatore – di Cagliari-Oristano, Roma e Napoli, insieme al personale ispettivo della locale Asl, ai militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro di L’Aquila, e dei Comandi provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, con la partecipazione dei mediatori culturali messi a disposizione dall’Oim e la collaborazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Oltre alle sanzioni sono stati emanati 2 provvedimenti di sospensione dell’attività di altrettante aziende per la presenza accertata di 6 lavoratori completamente “in nero”, tra cui 3 braccianti provenienti da Paesi extra-UE privi di permesso di soggiorno.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021