CINQUEMILA PERSONE AL GIORNO E FILE DI UN’ORA A FONTE VETICA PER ACQUISTARE LA CARNE DA CUOCERE ALLA BRACE


L’AQUILA – Gli italiani hanno scoperto l’Abruzzo interno. Una media di presenze di novemila persone al giorno solo nella stazione turistica di Campo Imperatore.

Milleseicento passaggi funivia al giorno. Una media di cinquemila presenze quotidiane nei rifugi di Fonte Vetica, dove la fila per comprare la carne da cuocere all’aperto si aggira intorno a un’ora.

Il colpo d’occhio nell’altiipiano rimanda una distesa di camper, moto e bici. Una massa turistica imprevista e dilagante quella che sta popolando l’aquilano.

I borghi di Santo Stefano di Sessanio e di Calascio brulicano di turisti e le due navette che portano alla Rocca di Calascio sono piene.

Forse fino a sera, ogni venti minuti, non sono sufficienti a soddisfare la richiesta dei turisti, in fila anche per mezz’ora, per visitare uno dei castelli più famosi del cinema.

Un’invasione pacifica e in mascherina di italiani, provenienti dalle regioni del nord Italia e dalla Toscana.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.