ETICHETTE: NUTRINFORM, LA RISPOSTA ITALIANA AL NUTRISCORE


ROMA – In materia di etichettatura nutrizionale così come prevista e disciplinata dal Regolamento Ue 1169/2011 sulla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, l’Italia, con decreto interministeriale 19 novembre 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 304 del 7 dicembre 2020, ha approvato il cosiddetto NutrInform Battery, quale modalità di raffigurazione del valore energetico e di alcuni nutrienti apposta sulle confezioni alimentari.

Il NutrInform – spiega Alessandro Klun, autore di diversi testi sul diritto della ristorazione – permette di visualizzare graficamente in etichetta “la percentuale assunta di energia e dei singoli nutrienti rispetto alla porzione di consumo consigliata dell’alimento”.

In particolare il logo, rappresentato da una batteria elettrica apposto sul fronte packaging di un prodotto, consta di due parti: la prima ha ad oggetto la porzione cui raffrontare i valori energetici e i nutrienti indicati in quella successiva; quest’ultima riproduce le quantità di energia (in kJ e kcal) e di parametri quali grassi, grassi saturi, zuccheri e sale (in g) richiamati nella tabella all’allegato XIII, parte B, del citato Regolamento Ue n. 1169/2011.

Di ognuno di questi viene indicato percentualmente l’apporto in relazione ad ogni singola porzione assimilata, da valutarsi in rapporto alle quantità giornaliere delle assunzioni di riferimento (AR) di un adulto medio (2.000 kcal/8.400 kJ: grassi=70 g; acidi grassi saturi= 20 g; zuccheri= 90 g; sale= 6 g).

Il NutriInform – spiega Klun – prevede che tali valori vengano espressi tramite l’immagine di una batteria che si completa via via che si avvicina al totale del nutriente o dell’energia da ingerire quotidianamente tenuto conto del limite, non superabile, del 100% delle quantità di assunzione giornaliera raccomandate.

Sul piano applicativo in data 19.01.2021 è stato pubblicato a cura del Mise il Manuale d’uso del marchio nutrizionale Nutrinform battery, contenente “le indicazioni sulla sua progettazione, presentazione e posizionamento in coerenza con le modalità di presentazione delle informazioni di cui al Regolamento Ue n. 1169/2011”.

Tale documento prevede che NutrInform costituisce marchio registrato e depositato presso l’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale, la cui titolarità è in capo al Ministero dello sviluppo economico ed il cui uso “è riservato alle persone fisiche o giuridiche, produttori e distributori di prodotti alimentari commercializzati in Italia e nel mercato unico europeo. Le pubbliche amministrazioni possono utilizzare il marchio per le loro campagne informative”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022