GELATE E SICCITÀ, IN ITALIA TRACOLLO PRODUZIONE DEL VINO


BRUXELLES – Il 2017/2018 sarà un’annata da dimenticare per le regioni produttrici di vino in Europa, almeno per le quantità.

Secondo i dati preliminari presentati dai Paesi membri alla Commissione europea, gelate primaverili e siccità estiva tagliano drasticamente le stime della produzione di vino: in Italia la riduzione è stimata nel 21% rispetto all’anno scorso, in Francia il 17% e in Spagna il 16%.

Una vendemmia così povera non si registrava dall’inizio degli anni ’80.

“Ad esempio – si legge in una nota della Direzione generale agricoltura della Commissione – la regione spagnola Castilla-la-Mancha, prevede una vendemmia con raccolto inferiore del 19% rispetto allo scorso anno, mentre in Sicilia si stima un calo del 35%”.

A livello Ue la vendemmia di quest’anno è prevista a circa 145 milioni di ettolitri, ossia circa 22 milioni di ettolitri in meno dell’anno precedente e pari al -14% e a 5,5 milioni di ettolitri in meno della campagna 2012-2013, che risultò già particolarmente povera.

In Italia la produzione complessiva si è attestata su 40 milioni di ettolitri contro i 37,2 della Francia confermando così il primato del Bel paese.

Si tratta di “stime iniziali”, precisa Bruxelles, che potrebbero cambiare man mano che la situazione diventa più chiara con i dati reali.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.