GLI ITALIANI SPENDONO 260 EURO L’ANNO PER IL CAFFÈ, UNO SU 7 VA AL BAR


MILANO – Gli italiani spendono all’anno per il caffé 260 a testa. Lo stima il Coffee monitor, il primo focus dell’osservatorio social monitoring di Nomisma con Datalytics.

Dalla ricerca, su 1.000 consumatori, emerge che il consumo della bevanda è abituale per il 95%. Il 93% sceglie l’espresso, il resto si divide tra americano, orzo o altro.

Il 58% ne beve 1-2 tazze al giorno, ma c’è anche un 5% che ne beve più di 5 tazze al dì.

Se il 77% si concede un tazza al risveglio, un 22% che consuma caffè dopo cena o di notte. Il 92% consuma il suo caffè a casa: la metà lo fa usando la polvere, il 37% cialde o capsule.

Si sceglie il prodotto per gusto o per marca, solo per il 15% degli intervistati decide per il prezzo.

Fuori casa una persona su sette va al bar per bere una tazzina, ma quasi la metà (il 48%) di chi ha consumato caffè negli ultimi 12 mesi l’ha fatto in ufficio, dove spopolano cialde o capsule (50%).

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021