IL CANTIERE LUMACA DEL BAR NURZIA, NATALIA: CENTO ANNI DI STORIA NON SARANNO CANCELLATI


L’AQUILA – “Adesso basta, è ora di ricominciare a lavorare perché cento anni di storia non me li ha fermati il terremoto certamente non me li fermerà il presidente del Consorzio o i tecnici incaricati della ricostruzione”.

Così Natalia Nurzia, che insieme alla mamma Giuliana e al fratello Francesco “Chicco” porta avanti l’attività di produzione del tradizionale torrone aquilano avviata dal nonno, stamattina barricandosi davanti allo storico locale di Piazza Duomo, interessato da un autentico cantiere lumaca che da quattro lunghi anni dall’inizio dei lavori ancora non viene riconsegnato.

“I lavori sono partiti il 16 aprile del 2016 e con un paio d’anni si sono conclusi – ha ricordato Natalia – . Avevo preso in affitto i locali dell’ex Standa per un anno e invece ci troviamo ancora lì!”.

“A causa del sisma sono stata chiusa nove mesi, per la ricostruzione quattro anni, mi pare assurdo”, ha sbottato.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.