IL PINK PANEL ALLA SCOPERTA DEI VIGNAIOLI DI NICCHIA FA TAPPA ALLA CANTINA WILMA


CHIETI – Il Pink Panel prosegue la sua missione di assaggio e scoperta del territorio. Questa volta il club tutto al femminile di assaggiatrici di vino e cibo si è soffermato sulle piccole produzioni. La sessione di ottobre, nel periodo vendemmiale, si è svolta presso Cantina Wilma-I vini di Donna Tethi.

Nel corso della degustazione, condotta come sempre alla cieca, si è evidenziato ancora una volta il potenziale e l’espressività dei vitigni autoctoni abruzzesi attraverso la comparazione di due annate diverse di Trebbiano, Pecorino, Cerasuolo e Montepulciano d’Abruzzo Doc; certificati bio, vinificati in acciaio e ottenuti attraverso fermentazione con lieviti indigeni.

“La mia è una piccola bomboniera – ha detto Maurizio Nonno, titolare della cantina – dal 2007 ho scelto di intraprendere una produzione limitata, ma molto identitaria”.

Anche un vino giunto da fuori regione è stato incluso tra gli assaggi, a scopo “didattico”, un Vino Nobile di Montepulciano Docg, il Pietra Rossa 2015, della rinomata cantina Contucci; diverso dal nostro Montepulciano d’Abruzzo in quanto a denominazione e profilo organolettico.

Alla nona sessione hanno preso parte la capo panel Jenny Viant Gómez ed Enca Polidoro, Sandra Pantalone, Valentina Bravi, Angela Scarciolla, Luisa Avallone, Lorenza Mammarella e Norma Torrieri.

A sorpresa in chiusura di degustazione l’assaggio di un vino metodo ancestrale e, dulcis in fundo, il tradizionale mosto cotto. Tutto accompagnato da selezionati prodotti gastronomici locali.

Il Pink Panel è l’unico gruppo tutto al femminile che include sia esperte di vino che wine lovers. Fondato nel 2019 è coordinato dalla degustatrice e giornalista enogastronomica freelance Jenny Viant Gómez nata all’Avana e da 20 anni residente in Italia.

Da sottolineare che il Pink Panel non è un’associazione, si autofinanzia, l’adesione è gratuita previa registrazione e verifica dei requisiti; non si assegnano punteggi ai vini, si valorizzano gli abbinamenti gastronomici e si assaggiano vini provenienti spontaneamente da tutti i territori, quindi non solo vini abruzzesi.

Ricordiamo che il Pink Panel si collega alle teorie scientifiche sulle capacità sensoriali delle donne, più sviluppate rispetto agli uomini.

“Nella regione del cervello atta a ricevere i segnali olfattivi le donne hanno +43% di cellule e + 50% di neuroni rispetto agli uomini”, secondo uno studio dell’ente Monell Chemical Senses Center di Philadelphia.

Benché tante altre ricerche tendano a sottolineare che le differenze tra i sessi siano marginali o inesistenti, Il Pink Panel itinerante 100% femminile si configura come un’esperienza da mettere in campo, senza scopi scientifici o statistici, ma con la consapevolezza che degustare “in rosa” abbia un “sapore” diverso.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.