LA DAMA DELLA BOLLA IN UNA FAVOLA, L’IDEA REGALO MADE IN L’AQUILA


L’AQUILA – “C’era una volta, in un tempo lontano da noi, una donna, esempio di classe, eleganza e grande cultura: la Dama della Bolla”. Chi all’Aquila non ha mai sentito parlare di lei? Di questa donna un po’ simbolo e un po’ protagonista del corteo storico della Perdonanza Celestiniana. Ma chi è davvero la Dama della Bolla?

Francesca Ciccone e Laura Tinari, fondatrici del brand di valorizzazione del territorio “Le dame – ritratti che raccontano storie” hanno scritto di lei, raccontando in una favola per bambine come si diventa Dama della Bolla.

Tra fantasia e storia hanno provato a svelare un’identità che cambia ogni anno, narrando di quei nobili sentimenti che una giovane donna deve avere per poter rappresentare la propria città. Infatti, soltanto la più meritevole del contado potrà essere la vera Dama della Bolla.

Quella scritta dalle due imprenditrici aquilane è una favola che fa sognare un futuro migliore e – un po’ come tutte le protagoniste del loro brand – rafforza il ruolo delle donne che animano il territorio e lo rendono vivo.

In fondo la Dama della Bolla è una sola donna, ma con tanti volti diversi, quelli delle ragazze aquilane che ogni anno contribuiscono a rendere l’intero evento della Perdonanza speciale agli occhi della comunità laica e religiosa. Sarebbe bello che la Dama della Bolla diventasse la “Giulietta” dell’Aquila!

Lo showroom de “le dame” è allestito presso lo studio grafico Civico 11 in via XX Settembre 14 d, dove, in vista del Natale, il prossimo fine settimana – sabato 7 e domenica 8 dicembre – è stato organizzato un piccolo evento, durante il quale acquistando La Dama della Bolla – la favola si riceverà qualcosa in più!