L’AQUILA, ECCO LA CARTINA DELLA CITTÀ COI MONUMENTI CHE HANNO RIAPERTO


L’AQUILA – L’Aquila città d’arte, una mappa dei beni culturali realizzata dal Polo museale d’Abruzzo, nata all’interno del progetto finanziato dal Ministero dei beni culturali per il decennale del terremoto e condiviso con il Comune dell’Aquila.

La cartografia dell’Aquila, come ha sottolineato la dottoressa Lucia Arbace direttrice del Polo museale d’Abruzzo, è delineata nella mappa con grande semplicità, facile da leggere per chi visita la città per la prima volta con i monumenti distinti anche in base a quelli che hanno già riaperto, a quelli che sono in corso di restauro e a quelli in attesa di lavori.

Nella cartina sono indicati i punti di accesso alla città con i mezzi pubblici.

La mappa dei beni culturali, strumento che mancava all’Aquila, è solo un primo passo come ha spiegato l’assessore al turismo del Comune Fabrizia Aquilio.

La Arbace ha anche lanciato un auspicio, la speranza cioè che gli asterischi dei monumenti ancora in ricostruzione possano presto cadere.

Nella mappa ci sono pure ben tre itinerari per scoprire la città a piedi che sono stati curati dal dottor Mauro Congeduti, direttore del museo nazionale d’Abruzzo.

Nella cartina i monumenti sono distinti per architettura religiosa, civile, monumenti e aree archeologiche.

La novità è la card contenuta nel cartaceo, valida sino al 31 dicembre. Prevede un ingresso scontato al 50% nelle altre sedi del Polo museale, il posto riservato agli eventi Munda e l’abbonamento ridotto alla stagione 2019-2020 dell’Istituzione sinfonica abruzzese.

Uno strumento molto importante che sarà distribuito anche nell’Infopoint alla Fontana Luminosa del Comune che potrà aiutare il turista a muoversi meglio nella città in ricostruzione. (red.)