LIBRO DEL 1600 SPARITO DAL CONVENTO FRANCESCANO DI SULMONA RESTITUITO AI FRATI DI SAN GIULIANO


L’AQUILA – Risale al 1661 e narra, in latino, le vicende del popolo d’Israele dalla conquista della Terra Promessa sotto la guida di Giosuè (XII secolo a.C.) fino alla rivolta maccabaica del 167 a.C., il libro Commentarius R.P. Cornelii Cornelii a Lapide in Esdram, Nehemian, Tobiam, Iudit, Ester, et Machabeos, sottratto in circostanze sconosciute dal convento Francescano dell’Ordine dei Minori di Sant’Antonio in Sulmona.

Domani il volume, ritrovato nel 2020, sarà restituito a padre Francesco Rossi, superiore dell’Ordine dei Frati Minori e curatore della biblioteca in allestimento del Convento di San Giuliano dell’Aquila.

La consegna alle 10,30 nel Convento di San Giuliano, da parte del capitano Manuel Curreri, comandante del Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (Tpc) dell’Aquila, insieme al comandante provinciale dei Carabinieri dell’Aquila, colonnello Nazareno Santantonio.

Nel 2011 il Convento Francescano dell’Ordine dei Minori di Sant’Antonio in Sulmona fu soppresso e la storica biblioteca spostata nelle strutture di San Giuliano all’Aquila e Celano; del volume si persero le tracce.

Nel 2020, nell’ambito di un’attività di verifica sul patrimonio di una piccola biblioteca nell’Accademia di Belle Arti “Fidia” di Stefanaconi (Vibo Valentia), il libro fu ritrovato; nelle sue pagine c’era un timbro con l’indicazione “Biblioteca – Convento OFM S. Antonio – Sulmona”.

Le indagini sono state coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vibo Valentia e condotte dai Carabinieri del Nucleo Tpc di Cosenza in collaborazione con la Compagnia di Vibo Valentia.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021