LO CHEF STELLATO SPADONE: DPCM INDIGERIBILE, ACCANIMENTO SU RISTORANTI DEI BORGHI


CIVITELLA CASANOVA – “Non riesco a mandare giù questo dpcm, ce l’ho sullo stomaco…è pesante”.

Con il garbo e la pacatezza di sempre, ma con altrettanta fermezza, commenta così le nuove disposizioni che impongono ai ristoranti di continuare a restare chiusi, lo chef Marcello Spadone, con la sua famiglia alla guida del ristorante La Bandiera a Civitella Casanova (Pescara), una Stella Michelin.

“Il comune di Napoli conta più di 1 milione di abitanti, quello di Milano conta 1,3 milioni di abitanti, quello di Roma addirittura conta 2,8 milioni di abitanti…e ne potrei citare tanti altri. La provincia di Pescara conta solo 318 mila abitanti. Il comune di Civitella Casanova conta 1.702 abitanti e l’80% ha più di 70 anni”.

“Qualche anno fa, com’è giusto che fu”, ricorda Spadone, “ebbi un controllo dall’Agenzia delle Entrate, in quanto, secondo loro, c’era qualcosa di anomalo nella cantina, sembrava impossibile che in un piccolo ristorante di un piccolo paese pedemontano, raggiungibile dalla città più vicina con almeno 40 minuti di automobile, con pochissimi o quasi inesistenti collegamenti pubblici, con una viabilità da Camel Trophy… avesse una cantina così fornita”.

“Dopo lunghi controlli (ripeto lunghi) capirono che la nostra proposta non solo era rivolta alla clientela locale, ma soprattutto ad una clientela di più ampio raggio”.

“Ora mi chiedo”, riflette Spadone, “non per fare polemiche politiche per l’amor di Dio lungi da me, ma cercare di pacificarmi un po’ la testa e dare una spiegazione soprattutto ai miei collaboratori, che poverini si sentono figli di un Dio minore, rispetto ad altre categorie di lavoratori. Perché questo accanimento con i ristoranti dei piccoli centri? Perché chiudere nelle festività che per noi rappresentano i giorni di maggior lavoro, tutti i comuni senza tener conto del numero degli abitanti?”.

“Se c’è qualche persona sapiente e cortese, che riesca a farmi capire come sono arrivati a questo dcpm (secondo me scellerato e senza senso), glie ne sarei davvero grato, molto grato”, conclude lo chef.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021