MAESTRO DI SCI MANDA IN FRANTUMI COPPA IN VIDEO PER DENUNCIARE CRISI OPERATORI MONTAGNA


L’AQUILA – Un video in cui getta a terra, mandandola in frantumi, una coppa trofeo per denunciare le difficoltà che stanno attraversando gli operatori della montagna, alla seconda stagione invernale saltata, e l’impossibilità di allenarsi.

Protagonista Manuele D’Eramo, maestro di sci, che ha diffuso anche una lettera aperta.

“Se sei un maestro, un allenatore, un istruttore fermati a leggere un secondo”, esordisce. “Prima di diventare maestro ognuno di noi chi più chi meno un po’ atleta lo è stato e non mi fate il discorso Fisi, Coni, collegi… comunque abbiamo fatto un corso e una sezione, qualcosa siamo!”.

“Ed ora? Eccoci qua abbiamo pagato e speso non si sa quanti soldi per arrivare fino a qui, compreso quest’anno con iscrizioni e pagamenti vari che non sto qui ad elencare, e non possiamo neanche mettere piede su una pista! È frustrante stare alla partenza di una pista e stare fermo, non puoi muoverti perché altrimenti prendi la multa !!!! quindi cammina a piedi nei fuoripista, rischia la vita e fai lezioni dove ti pare ma fuoripista, perché questo ci state portando a fare!”.

“Ma che barzelletta è?!?”, si domanda D’Eramo. “Però, perché c’è sempre un però, vedi passare accanto a te gente che scende in pista che neanche riesce a fare curve o altro, con questo non attacco i miei colleghi, anzi sono contento perché anch’io sto facendo il mio, ma non è giusto che tu maestro, sì perché parlo a tutti voi, maestri come me, non puoi scendere almeno per allenarti perché non sei un atleta, o almeno lo eri, ma ora sei un semplice maestro!”.

“Ok lezioni soltanto con gli Sci club va benissimo, ma fateci allenare è un nostro diritto! Io non mi lamento e basta ci metto la faccia e distruggo una stupida coppa! Fallo anche tu e condividi”, conclude D’Eramo.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021