MICHELIN, NIKO ROMITO CONQUISTA LE STELLE ANCHE A DUBAI


CASTEL DI SANGRO – Sessantanove locali selezionati per 21 tipi di cucina nella Guida Michelin dedicata a Dubai: solo due si aggiudicano 2 stelle e nove 1 stella. Tra i primi, c’è Il Ristorante di Niko Romito, il format internazionale in collaborazione con Bulgari (nella foto sotto, dal sito di Romito).

Le nove insegne che si sono aggiudicate una stella, durante la prima cerimonia di presentazione della rossa tenutasi oggi negli Emirati Arabi Uniti, sono 11 Woodfire, Al Muntaha, Armani Ristorante, Hakkasan, Hoseki, Ossiano, Tasca by José Avillez, Torno subito, Trèsind Studio.

Due stelle, invece, oltre che a Romito, a Yannick Alléno di Stay.

Mentre in 14 sono stati insigniti del riconoscimento Bib Gourmand. Il Lowe è il primo e unico ristorante di Dubai a ricevere la stella Green per la sua politica di sostenibilità.

“Si tratta di un riconoscimento molto importante per me e per la grande squadra che mi accompagna in questo progetto”, ha commentato Romito. “In questi anni, Il Ristorante Niko Romito, nato con Bulgari nel 2017 ha rappresentato una sfida appassionante e mi ha permesso di elaborare e diffondere nel mondo quelli che sono per me i nuovi codici della cucina italiana contemporanea. Complimenti a tutto il team!”.

“La città è già famosa per la sua raffinatezza – ha detto Gwendal Poullennec, direttore Internazionale delle Guide Michelin – ora sarà conosciuta anche per l’ampia varietà di cucine offerte dalla posizione e dalla sua storia”.

“Già una delle destinazioni più famose al mondo – ha commentato Issam Kazim, chief executive officer di Dubai Corporation for Tourism and Commerce Marketing – questo ultimo riconoscimento come hub gastronomico globale, sancisce Dubai la destinazione più ambita al mondo e la migliore città in cui vivere e lavorare. Con Dubai che ospita migliaia di ristoranti che servono una varietà di cucine, da quella raffinata allo street food, e chef di talento, la Guida Michelin Dubai fornirà una nuova prospettiva e nuove intuizioni sulla diversità, la creatività e la natura multiculturale dell’offerta culinaria di Dubai”.

Con 3,97 milioni di visitatori internazionali tra gennaio e marzo 2022, Dubai ospita più di 12mila ristoranti e caffè che servono cibi e bevande provenienti dalle culture di oltre 200 nazionalità residenti in città.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022