MONTICCHIO HA ORA UN CENTRO SOCIALE PER ANZIANI E NON


L’AQUILA – Finalmente, dopo 3 anni, è stato portato a termine il progetto ideato e realizzato dal Centro sociale anziani “Gianna Carosone“ di Monticchio (L’Aquila) denominato “salone polifunzionale modulare e amovibile”.

La struttura in gazebo, dotata di pavimentazione con pannelli di legno, di illuminazione, di riscaldamento ad aria prodotta da un cannone alimentato a gasolio, è oggi una realtà a disposizione dei soci e di tutta la comunità.

“Il tutto”, dice in una nota Massimo De Simone, “si è potuto realizzare grazie alla generosità della Fondazione Carispaq che ha creduto nel nostro progetto elaborato dall’Ing. Serafino Nardecchia e grazie ai nostri 330 soci che ci hanno sostenuto nel perseguire il raggiungimento dell’obiettivo”.

L’idea della struttura era nata 3 anni fa e ha visto il susseguirsi di ben 3 presidenti per completarla: Alfonso Scimia, Nicola Antonio Sacchetti (entrambi venuti a mancare e ai quali è stato intitolato il salone) e Massimo De Simone, attuale presidente che, insieme al Direttivo, si sono prodigati per reperire i fondi necessari per completare l’opera.

Il salone di circa 80 metri quadrati colma un vuoto per la realizzazione di svariate attività come concerti, incontri culturali, riunioni, convegni, feste per bambini etc.. perché pur disponendo dell’intero immobile ex scuola elementare di Monticchio, non vi sono spazi dove poter accogliere in un unico ambiente tutte le persone.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.