MOVIDA L’AQUILA, UN GESTORE DEL CENTRO: PIÙ RISPETTO PER I LOCALI


L’AQUILA – “Abbiamo sempre rispettato gli orari di chiusura della musica, gli orari di chiusura per i locali e i limiti di decibel per il volume”.

Lo dice Matteo Maurinaz, gestore di uno dei locali del centro dell’Aquila, in una lettera aperta (pubblicata integralmente sotto).

“Nonostante tutto questo” aggiunge, “c’è chi vuole danneggiare il nostro lavoro e il nostro impegno per chissà quale motivo”.

LA LETTERA

Gentili Aquilani,
scrivo questa lettera a nome della Shortbus, la cicchetteria sita in piazza Santa Maria Paganica, ma in primis scrivo da imprenditore e da lavoratore fermo con la propria attività da più di un anno.

Dall’entrata in vigore della zona bianca, alcuni residenti hanno iniziato a fare segnalazioni agli organi di competenza per quanto riguarda alcuni comportamenti ritenuti (come anche noi riteniamo che siano) incivili, imputando a noi la responsabilità di tali comportamenti.

Nel nostro lavoro, da qui a due anni, abbiamo sempre agito nel rispetto della legge e dei suoi parametri e col perenne obbiettivo di riportare decoro ad una piazza storica e importante per L’Aquila come lo è piazza Santa Maria Paganica.

Nonostante la mancanza di secchi pubblici per l’immondizia (che sarebbe cosa gradita), ci impegniamo tutte le sere per lasciare la piazza pulita raccogliendo bottiglie e bicchieri che vengono lasciati da chiunque (non solo dai nostri clienti).

Nonostante la mancanza di servizi igienici pubblici (di cui abbiamo fatto richiesta ormai troppo tempo fa), abbiamo sempre fatto utilizzare il nostro bagno per i bisogni primari, ahinoi anche quando ancora non era chiaro se fosse possibile farlo o meno.

Abbiamo sempre rispettato gli orari di chiusura della musica, gli orari di chiusura per i locali e i limiti di decibel per il volume.

Stiamo cercando di alzare il target d’età dei frequentatori della piazza organizzando concerti ed eventi per un pubblico più adulto, sfruttando anche la presenza del MAXXI.

Nonostante tutto questo, c’è chi vuole danneggiare il nostro lavoro e il nostro impegno per chissà quale motivo.

Quello che chiediamo, infine, è collaborazione e rispetto da parte degli Aquilani e soprattutto dai residenti e quello che riceveranno sarà soltanto rispetto e collaborazione da parte nostra, per un bene comune quello di riportare in auge una delle piazze più belle dell’Aquila.

Grazie per l’attenzione,
La Shortbus.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022