NASCE LA CAPITALE ITALIANA DEL VINO, ISTITUZIONE DAL 2021


ROMA – Nasce la capitale italiana del vino, riconoscimento annuale, itinerante, per mettere al centro una città e il suo territorio vitivinicolo.

Ad annunciare l’istituzione, a partire dal 2021, è l’associazione delle Città del Vino con l’Assemblea nazionale, tenutasi con la partecipazione di 157 Comuni in rappresentanza degli attuali 430 soci alla Villa Parisini di Basciano, nel Comune di Monteriggioni, a pochi passi da Siena.

La finalità – spiega una nota – è quello di dare ogni anno “una forte visibilità ad un territorio attraverso sia gli eventi e le iniziative che fanno parte del calendario ordinario e sia con appuntamenti specifici dedicati in particolare alla filiera vitivinicole e al Città del Vino”.

Le candidature sono aperte “sulla scorta di quanto avviene per l’indizione della Capitale Europea del Vino di Recevin, la Rete europea delle Città del Vino, che vede a rotazione coinvolte comunità italiane, del Portogallo, della Spagna e di altre realtà vitivinicole europee”.

Nel corso dell’assemblea sono stati ricordati Paolo Benvenuti, storico direttore generale scomparso lo scorso febbraio, Paolo Saturnini, ex presidente nazionale dal 2000 al 2003, e Gianfranco Tosi, a lungo consigliere nazionale e coordinatore degli Ambasciatori delle Città del Vino.

“Vorrei ringraziare – ha detto il presidente di Città del Vino Floriano Zambon – chi è stato vicino a Paolo Benvenuti e alla sua famiglia. In suo nome stanno fiorendo molte iniziative, ricordo, ad esempio, la wine business school di Tollo e l’intitolazione di una vigna a suo nome nel parco di Lamezia Terme”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.