PER I BAR SENZA CUCINA DOPO LE 18 CONSENTITO SOLO SERVIZIO AI TAVOLI ALL’APERTO


L’AQUILA – “Tutti i bar sprovvisti di un locale cucina possono svolgere attività di asporto sino alle ore 18 ma, al contempo, garantire il servizio di somministrazione ai tavoli all’aperto sino alle 22”.

A darne notizia è il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

“A seguito di una interlocuzione avuta con la Prefettura – spiega il primo cittadino in una nota – è stato chiarito in maniera univoca che la misura è rivolta alle attività con codice Ateco 56.3. Si tratta di una precisazione che toglie molti dubbi a tanti titolari di locali che, in questo modo, avranno la possibilità di lavorare e provare recuperare, almeno in parte, le ingenti perdite di fatturato legate alla pandemia”, conclude il sindaco.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021