PESCA, 7 GIORNI DI FERMO SULLA COSTA ADRIATICA CONTRO IL CARO GASOLIO


PESCARA – Sette giorni di fermo dei pescherecci delle Marinerie dell’Adriatico e nuovo stato di agitazione. Da oggi le imbarcazioni a strascico della flottiglia delle Marche, Abruzzo Molise e Puglia, resteranno in porto fino a domenica prossima a seguito di un nuovo stato di agitazione dichiarato oggi contro il caro gasolio.

La decisione è maturata questa mattina, a conclusione di un incontro delle marinerie d’Italia riunitesi nel mercato ittico di Termoli.

Oltre 150 operatori, tra armatori e pescatori dell’Adriatico, si sono ritrovati nel porto termolese per discutere il “da farsi”.

“A distanza di due settimane dalle richieste inviate al Governo non è accaduto nulla. Non c’è stata alcuna risposta dalla scorsa riunione di Pescara – dichiara Paola Marinucci, presidente dell’associazione armatori del Molise -. Per questo motivo si è deciso un nuovo fermo fino a domenica prossima. Non è uno sciopero ma uno stato di agitazione”.

Solo nella città di Termoli sono 45 i pescherecci a strascico che non usciranno in mare. “Non possiamo continuare in questo modo – conclude la coordinatrice dell’associazione armatori molisana -. Qui rischiamo davvero di chiudere tutti”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022