QUANDO IL LIQUORE “CORFINIO” DELL’ABRUZZESE BARATTUCCI ERA TRA I PIÙ VENDUTI A BUENOS AIRES


di GEREMIA MANCINI*

CHIETI – Adriano Barattucci, innovativo commerciante argentino, era abruzzese. Nacque in provincia di Chieti. Il suo “Corfinio” fu, per anni, tra i liquori più venduti a Buenos Aires.

Adriano Barattucci (il cognome diverrà Baratucci) nacque in provincia di Chieti. Emigrò per l’Argentina dove si stabilì a Buenos Aires.

All’inizio fece diversi e duri lavori. Poi proprio in questa città realizzò il sogno con il quale era partito dall’Abruzzo. Decise di aprire una attrezzato negozio sulla “avenida Santa Fe” al n. 2462 a cui diede il nome di “La Teatina”.

Si specializzò nella vendita di prodotti di pasticceria, dolciumi, confetti e liquori. In più riuscì ad affermare il “Corfinio Barattucci” come “exquisito licor”.

Anche la maggior parte degli altri prodotti li importava, se possibile, dal suo Abruzzo e tra questi i confetti Pelino.

Appena dopo aprì un annesso negozio di alimentari con pasta, insaccati e prodotti vari. Fu il primo a portare in terra argentina la innovativa e rivoluzionaria impastatrice “Meschini”.

Poi acquistò tre carrozze, con cavalli, che adornò con scritte pubblicitarie. Con queste attrezzò un assai funzionale servizio a domicilio. I prodotti de “La Teatina” entrarono così anche nelle più importanti case della capitale argentina.

Nel campo commerciale il suo nome divenne sinonimo di correttezza e qualità. Lavoratore instancabile, sul posto di lavoro era il primo ad arrivare e l’ultimo ad uscire, seppe guadagnarsi la stima ed il rispetto di tutti.

Generoso benefattore dei poveri, Barattucci fu, tra le altre tante cose, consigliere della “Società italiana Unione e Benevolenza”, presidente della “Società Abruzzo” e tesoriere della “Unione Italiana”.

Divenuto personaggio, influente e assai considerato, spese le sue energie, soprattutto, per i suoi connazionali più bisognosi.

Presidente onorario “Ambasciatori della fame”

 

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021