RISTORANTI SOLO ALL’APERTO, TAR RESPINGE RICORSI DEL CODACONS


ROMA – Nessuna sospensione del decreto legge e della circolare ministeriale con le quali, nel prevedere le misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel periodo dell’emergenza da Covid-19, è stato consentito nelle cosiddette “zone gialle” l’attività dei servizi di ristorazione con consumo al tavolo solo all’aperto, nonché stabilito divieti per il settore dei matrimoni.

L’ha deciso il Tar del Lazio con due decreti monocratici con i quali sono state respinte le richieste del Codacons; contestualmente fissata il 7 giugno prossimo l’udienza di discussione in camera di consiglio davanti al Tribunale in composizione collegiale.

Il Tar, considerato che “la previsione censurata dalla parte ricorrente è posta direttamente dalla fonte di livello legislativo (D.L. n. 52/2021), rispetto alla quale gli atti amministrativi impugnati in questa sede rivestono natura per una parte meramente preparatoria e per altra parte meramente interpretativa-attuativa, risultando anche privi di diretta e autonoma lesività; che l’eventuale sospensione interinale dell’efficacia di questi atti non sarebbe quindi in grado di assicurare l’auspicata tutela cautelare specifica della posizione azionata in giudizio”, ha respinto l’istanza cautelare monocratica, riservando alla fase collegiale del giudizio la valutazione di ogni ulteriore profilo di censura contenuto nei ricorsi.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021