RISTORATORI, AMBASCIATORI DEL GUSTO: RIAPRIRE IN SICUREZZA


ROMA – Gli Ambasciatori del Gusto prendono le distanze dalla protesta #ioapro indetta per stasera dai ristoratori di varie parti d’Italia. E lo fanno con una lunga lettera indirizzata alle Istituzioni in cui chiedono “una riapertura in sicurezza, regolamentata e controllata, che spazzi via una volta per tutte l’idea del ristorante come untore” e “se invece un’alternativa siete certi che non ci sia, la chiusura deve essere secca”.

L’associazione presieduta dalla chef stellata Cristina Bowerman, senza mezzi termini, dice: “Basta con i giorni alterni e con i provvedimenti a singhiozzo. Basta con le promesse non mantenute”.

“Alla chiusura certa devono seguire ristori certi, adeguati e immediati, per ripartire, per poter continuare ad imprendere, non solo per tamponare”.

Nella lettera sottoscritta da tanti nomi noti del settore, tra i quali Antonino Cannavacciuolo, Carlo Cracco, Fratelli Cerea e Davide Oldani, si ribadisce “l’urgenza di una visione di medio e lungo termine a cui fare riferimento e di un interlocutore istituzionale con cui dialogare in modo costruttivo e lungimirante”, perché i temi da affrontare sono tanti: “dalla sicurezza alla fiscalità, ivi compresa la definizione di codici Ateco più adeguati a rappresentare le varie categorie di esercenti”.

E in fondo alla lettera una domanda: “È giusto condannare a morte la ristorazione italiana? È corretto farle espiare tutte le colpe di questa terribile ‘guerra’? O c’è qualcosa che ancora si può fare per cambiare le sorti di un settore che da sempre traina il sistema Italia in termini di valore economico, ma anche per identità, cultura e stile di vita?”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021