SALTA LA TRADIZIONALE SAGRA DELLA POLENTA A PETTORANO SUL GIZIO


PETTORANO SUL GIZIO – Non si svolgerà, come inizialmente previsto nelle giornate del 6, 7 e 8 gennaio prossimi, la tradizionale Sagra della Polenta di Pettorano sul Gizio (L’Aquila), che quest’anno giungerà alla sua sessantesima edizione.

Le recenti disposizioni del governo per limitare il contagio da Covid, in espansione su tutto il territorio italiano e dunque anche in Abruzzo, con stop a tutti gli eventi all’aria aperta dove si possono venire a creare assembramenti, hanno fatto sì che gli organizzatori del celebre evento tradizionale del comune peligno, Pro Loco, e Comune di Pettorano sul Gizio, abbiano deciso di rimandare la sagra ad un periodo dell’anno in cui ci saranno maggiori condizioni di sicurezza, verosimilmente ad inizio aprile 2022.

Una decisione inevitabile quella di ‘cancellare’ le date calendarizzate in un primo momento, nonostante il grandissimo sforzo che proprio Pro Loco e Comune di Pettorano sul Gizio avevano fatto per garantire i canoni massimi di tutela sanitaria per gli avventori che come ogni anno avrebbero ‘affollato’ piazza Umberto I, da sempre teatro principale della Sagra della Polenta.

Forte dei riscontri positivi ottenuti anche nelle recenti edizioni della sagra, non ultima quella della scorsa estate, che ha visto coinvolti tutti i ristoranti e luoghi di ristoro del comune peligno, la Pro Loco ed il Comune di Pettorano sul Gizio non si sono fatti scoraggiare dallo stop forzato arrivato dalle attuali decisioni del governo, e stanno lavorando ad una nuova collocazione temporale per la festa per eccellenza della Polenta cucinata alla pettoranese, con tanto di eventi correlati, ad un appuntamento tradizionale che è solo rimandato.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022