SLOW FOOD: ANCHE L’AQUILA CELEBRA I GRANI, “TRASFORMARE ALIMENTAZIONE IN ATTO POLITICO”


L’AQUILA – Mettere in tavola un futuro migliore significa trasformare l’alimentazione in un atto politico, diffondendo la consapevolezza di ciò che mangiamo. Un manifesto con il quale il movimento del cibo ha voluto festeggiare il compleanno dell’associazione aquilana nell’ambito dello Slow Food Day, la giornata nazionale dedicata quest’anno al grano tenero e alla farina, ingredienti primari della dieta mediterranea.

Un’occasione per la Condotta Slow Food dell’Aquila, in collaborazione con il Mercato Contadino, di ribadire che scegliere i prodotti che mangiamo, oltre a delineare uno stile di vita consapevole, rappresenta per davvero un gesto politico, capace di alimentare e assecondare “chicco dopo chicco” produttori locali e piccole imprese che lavorano nel rispetto della terra e delle sue risorse.

“Ogni consumatore è anche co-produttore, quando facciamo la spesa alimentiamo una filiera piuttosto che un’altra condizionando la salute del Pianeta e dell’uomo” ha affermato Elisabetta Mastracci, fiduciaria uscente della Condotta aquilana di Slow Food che, nel corso della conviviale organizzata alla Locanda Da Lincosta, ha eletto i componenti del nuovo comitato. Che punta ad una maggiore inclusività e ad allargare la collaborazione con altre associazioni del territorio.

Gli eletti della nuova Condotta Slow Food L’Aquila sono oltre alla stessa Mastracci, Giovanni Cialone, Alfredina Gargaglione, Elena De Paulis, Rita Salvatore, Innocenzo Chiacchio, Dante Macchiagodena, Pierluca Masciocchi e la new entry Quirino Crosta.

Il nuovo fiduciario verrà votato dal neo comitato in sede di prossima riunione.

“Slow Food si sta trasformando – aggiunge la Mastracci – Non è più soltanto un’associazione che si cura del mangiare ma è un movimento che fa della politica dell’alimentazione il suo scopo principale”.

“È espressione di tutela delle bio-diversità. Allo slogan di buono, pulito e giusto, così come riportato nella Dichiarazione Internazionale di Chengdu, si aggiunge ‘per tutti’ perché ogni persona ha il diritto di accedere al cibo buono e di qualità”.

Anche a L’Aquila, come in altre cento piazze d’Italia, l’associazione dell’inconfondibile chiocciolina ha acceso i riflettori sui grani antichi per raccontare la “verità” sulle farine e le buone pratiche consigliate, come la scelta di varietà locali, per preservare la biodiversità.

I grani antichi sono più gustosi e salutari, maggiormente digeribili, ricchi di fibre, antiossidanti e con un basso indice glicemico. Niente a che vedere insomma con le farine industriali, raffinate e trattate chimicamente.

I grani antichi combattono inoltre l’effetto serra. Una delle principali cause dei cambiamenti climatici infatti è il modello industriale di produzione e consumo alimentare, caratterizzato dall’uso massiccio di input chimici, la diffusione delle monocolture, gli allevamenti intensivi, un sistema distributivo fondato su delocalizzazione, destagionalizzazione e sprechi, il consumo eccessivo di acqua e in generale lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali.

“I cereali antichi, come i frutti, sono una delle ricchezze del nostro territorio, dalla Solina alla Saragolla fino alla Rosciola, hanno secoli di storia e resistono alle intemperie senza bisogno di additivi”, ha detto l’agronomo Marco Manilla.

“Facciamo bene a noi e anche all’ambiente se li consumiamo consapevolmente: un piatto di pasta di un cereale antico inquina come una bicicletta elettrica, un piatto di pasta di un grano moderno inquina come un jet” ha aggiunto Manilla, che ha raccontato la storia dei cereali antichi nostrani.

E naturalmente il menù della serata non poteva che esaltare qualità e virtù dei cereali tipici della conca aquilana. Dalla bruschetta di pane di grano solina ai formaggi e salumi dei Presidi Slow Food del territorio, alle sagne con i ceci di Navelli, per mettere così in pratica l’obiettivo principale dell’associazione, mangiare consapevolmente e con sano gusto.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2023


Categoria: Cronaca Tag:
Array ( [0] => WP_Term Object ( [term_id] => 6501 [name] => condottaslowfoodlaquila [slug] => condottaslowfoodlaquila [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 6501 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 2 [filter] => raw ) [1] => WP_Term Object ( [term_id] => 390 [name] => danielabraccani [slug] => danielabraccani [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 390 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 254 [filter] => raw ) [2] => WP_Term Object ( [term_id] => 4272 [name] => elisabettamastracci [slug] => elisabettamastracci [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 4272 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 3 [filter] => raw ) [3] => WP_Term Object ( [term_id] => 1418 [name] => graniantichi [slug] => graniantichi [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 1418 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 16 [filter] => raw ) [4] => WP_Term Object ( [term_id] => 6449 [name] => slowfoodday [slug] => slowfoodday [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 6449 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 2 [filter] => raw ) )