TERAMO, PRIMO CORSO SULL’IMPRENDITORIALITÀ RURALE


TERAMO – “Dall’idea all’impresa agricola” è il titolo del corso sull’imprenditorialità rurale promosso dalla Diocesi di Teramo-Atri in collaborazione con Coldiretti Teramo per fornire ai giovani interessati gli strumenti basilari e le procedure principali per costituire una impresa agricola.

Cinque incontri che, a partire dal 27 maggio nella sede della Caritas di Teramo, forniranno le prime informazioni sulle opportunità che l’agricoltura offre spaziando tra diverse tematiche. Dalle varie tipologie di impresa agricola alla organizzazione e alla gestione aziendale, dagli aspetti giuridici e tributari alle normative sui finanziamenti comunitari, dal marketing alla comunicazione d’impresa, fino a toccare con mano l’esperienza di un’azienda agricola locale.

“Un’iniziativa importante – dice in una nota Emanuela Ripani presidente di Coldiretti Teramo – per sensibilizzare le giovani generazioni su un settore caratterizzato oggi da un grande appeal diventando una valida occasione professionale per molti appassionati. L’agricoltura è tornata ad essere un settore strategico per la ripresa economica ed occupazionale e lo hanno capito per primi i giovani che stanno tornando prepotentemente nelle campagne. Ringraziamo per questo la Diocesi perché ha compreso l’importanza di questo cambiamento epocale e ha ideato questo ciclo di incontri di sensibilizzazione e promozione del settore agricolo”.

Coldiretti ricorda infatti che l’Italia è ai vertici dell’Unione Europea in termini di numero di giovani imprenditori con 56mila imprese agricole italiane condotte da under 35.

Una presenza che ha di fatto rivoluzionato il lavoro in campagna dove il 70% delle imprese giovani opera in attività multifunzionali che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, ma anche alle attività ricreative, l’agricoltura sociale per l’inserimento di disabili, detenuti e tossicodipendenti, la sistemazione di parchi, giardini, strade, l’agribenessere e la cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili.

Una opportunità resa possibile dalla legge di orientamento per l’agricoltura (la legge 228/2001) – dice Coldiretti Abruzzo – fortemente sostenuta da Coldiretti che ha rivoluzionato il lavoro nelle campagne allargando i confini dell’imprenditorialità agricola e aprendo a nuove opportunità occupazionali. Non è un caso se questo profondo mutamento culturale si sia tradotto anche nelle scelte relative al percorso scolastico.

Negli ultimi sette anni, gli studenti italiani hanno preso d’assalto la facoltà di Agraria che fa registrare un aumento del 14,5% delle iscrizioni, in netta controtendenza, nello stesso periodo, al calo generale del 6,8% degli universitari che sono scesi costantemente negli anni fino ad arrivare ad appena 1,67 milioni nel 2017/18, secondo un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati dell’Anvur, l’Istituto nazionale deputato alla valutazione della ricerca scientifica e dell’università italiana.

Il corso “dall’idea all’impresa agricola”, con inizio il 27 maggio alle ore 17,30, si svolgerà presso la sede della Caritas di Teramo, sita in Via Vittorio Veneto n.11. Nella prima giornata è prevista l’introduzione del vescovo monsignor Lorenzo Leuzzi su “Il mondo rurale e la Dottrina sociale della Chiesa”, seguito dagli interventi di Don Igor Di Diomede, direttore della Caritas diocesana; Giuseppe Pergallini, direttore Pastorale Sociale e Lavoro; Giulio Federici, direttore Coldiretti Abruzzo; Emanuela Ripani, presidente Coldiretti Teramo.

Per le iscrizioni è possibile rivolgersi al Caritas Point in Piazza Orsini a Teramo, 0861-248659, oppure compilare l’apposito format all’indirizzo e-mail indicato sul sito www.diocesiteramoatri.it.