TURISMO DI RITORNO, LE PROVINCE SI RIVOLGONO AGLI ITALIANI DI SECONDA E TERZA GENERAZIONE


PESCARA – Si è tenuta questo pomeriggio, presso la prestigiosa “Sala Figlia di Iorio”, nella sede della Provincia di Pescara la presentazione del progetto “2023 Anno del Turismo di Ritorno”, promosso dall’Upi (Unione Province italiane) Abruzzo.

Il progetto, ideato da Rete Destinazione Sud, si rivolge agli italiani residenti al di fuori della Penisola e si pone l’obiettivo di richiamare l’attenzione sull’Italia agli oltre 70 milioni di connazionali di seconda, terza e quarta generazione che vivono all’estero.

L’idea che ispira il progetto è quella di rilanciare una connessione con i nostri connazionali emigrati ed i loro discendenti, affinché si determini un flusso turistico “di ritorno” che miri anche a favorire investimenti, specialmente a sud. L’opera di diffusione che si sta facendo sul territorio nazionale mira a rendere parte attiva di questo processo gli enti locali, i quali dovranno promuovere iniziative utili per favorire l’export, basando soprattutto la strategia di marketing sulle eccellenze del territorio.

Ad oggi sono già oltre 40 i Comuni abruzzesi che hanno aderito all’iniziativa, che con l’incontro promosso si tenterà di ampliare la platea delle municipalità abruzzesi.

Il presidente dell’Upi Abruzzo, Angelo Caruso, si è dichiarato particolarmente soddisfatto dell’esito dell’incontro, per il quale ha ringraziato tutti i partecipanti, dicendosi fiducioso per il raggiungimento degli obiettivi tracciati.

Alla presentazione sono intervenuti, oltre a Caruso, il presidente di “Rete Destinazione Sud” Michelangelo Lurgi, il consigliere provinciale delegato Upi Massimo Tiberini in rappresentanza della Provincia di Chieti, il presidente della Provincia di Pescara Ottavio De Martinis.

Al termine degli interventi in programma c’è stato un momento di confronto e dibattito con alcuni sindaci dei comuni abruzzesi.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022