UN MENHIR DEL NEOLITICO NEL PARCO DELLA MAJELLA


ABBATEGGIO – Ieri, nel meraviglioso scenario della Valle Giumentina, il presidente del Parco nazionale della Majella Lucio Zazzara e gli amministratori di Abbateggio (Pescara), hanno condotto un sopralluogo nel sito del ritrovamento di un elemento lapideo antropomorfo, di cospicue dimensioni (circa 2,30 metri) e di indubbio interesse.

Secondo una prima e sommaria datazione, si tratta di una sorta di menhir risalente al periodo neolitico ed è cosparso di segni che dovranno essere interpretati.

“Ancora una volta la Majella ci ha donato un pezzo della sua storia facendolo emergere dalla sua coltre – dice Zazzara in una nota – . In collaborazione con la competente Soprintendenza Archeologica, lo metteremo presto in sicurezza e, soprattutto, faremo in modo che possa essere esposto, ammirato e studiato in questo stesso territorio”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.