UN PERCORSO IN BICI E TREKKING LETTERARI PER VALORIZZARE LE AREE INTERNE DELL’ABRUZZO


CAPESTRANO – Si è svolto ieri pomeriggio presso il Castello Piccolomini di Capestrano l’incontro di presentazione dei progetti, ideati dalla Cooperativa Il Bosso, “Paesi Narranti, a passi di Vita…” e “In Bici nel Cuore d’Abruzzo”, divenuto poi preziosa occasione per realizzare una tavola rotonda sulla progettazione e la valorizzazione turistica delle aree interne abruzzesi alla presenza di istituzioni, amministratori, operatori turistici e portatori d’interesse del territorio.

L’incontro ha visto la partecipazione, tra gli altri, dell’assessore regionale Guido Quintino Liris, dei presidenti dei Parchi Gran Sasso e Monti della Laga Tommaso Navarra e Velino Sirente Francesco D’Amore, della presidente del Gal Gran Sasso Velino Alessandra Di Girolamo, e del vice sindaco di Capestrano, dei sindaci di Castel del Monte, Navelli, Raiano e Tione degli Abruzzi, moderati da Paolo Setta e Filomena Spagnoli responsabili del Gruppo societario Il Bosso.

La tavola rotonda ha assunto sin dalle prime battute i caratteri di una vera e propria assemblea di pianificazione strategica che saputo mettere da parte i proclami politici per dedicarsi concretamente alle prossime sfide che attendono il territorio abruzzese alla luce, soprattutto, dei fondi europei messi a disposizione dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, immaginando scenari di collaborazione tra i vari enti e la strutturazione di una rete solidale che sappia coinvolgere gli attori turistici a tutti i livelli.

La presentazione dei progetti è invece spettata al Bosso, che ha illustrato nel dettaglio due iniziative che hanno l’obiettivo di dialogare con i territori interessati e di restituire loro parte della ventennale esperienza della cooperativa.

Si tratta di “Paesi Narranti…a passi di vita”, promosso insieme all’Associazione Paesaggi Sonori e allo scrittore Alessandro Chiappanuvoli, patrocinato e finanziato dalla Fondazione Carispaq, che ha lo scopo di far sperimentare la conoscenza del territorio dell’Abruzzo interno tramite le opere letterarie o le biografie dei suoi personaggi storico-culturali, la musica e la tradizione gastronomica locale, il cui primo evento sarà realizzato il 12 dicembre, alle 14,30, a Capestrano, ripercorrendo la biografia di un santo emblematico quanto importante come San Giovanni.

Il secondo progetto si chiama “In bici nel cuore d’Abruzzo”, ideato e realizzato nell’ambito del bando “Fonti energetiche rinnovabili, per una mobilità alternativa” promosso del Gal Gran Sasso Velino, un percorso che si snoda per cento chilometri tra i territori del Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, Valle del Tirino, Terre della Baronia di Carapelle, Piana di Navelli e Media Valle dell’Aterno, grazie all’installazione di pensiline atte allo stallo, ricarica e nolo di e-bike.

Un’infrastruttura, a tutti gli effetti, che permetterà la fruizione di alcuni tra i luoghi più affascinanti d’Abruzzo e il rilancio economico per tanti piccoli e grandi operatori turistici d’accoglienza e ristorazione messi in difficoltà dal terremoto prima e dalla pandemia poi. Il tutto accompagnato da incontri formativi di marketing sul territorio e dalla strutturazione di un’organica campagna di comunicazione.

“Noi del Gruppo Il Bosso, dopo i nostri oltre 20 anni di esperienza nel campo del turismo esperienziale ed ambientale, crediamo sia giunto il tempo nel quale impegnarci ulteriormente su due leve strategiche per il futuro dei nostri luoghi identitari, accrescere gli standard di qualità del turismo nelle aree interne d’Abruzzo e generare un valore complessivo dei micro sistemi territoriali ed imprenditoriali, coadiuvandoli nel percorso di definizione e promozione di un unico ed emblematico sistema turistico, diffuso ed integrato, delle aree interne d’Abruzzo”, commenta Paolo Setta.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022