VIAGGIO IN ABRUZZO: ATRI, TRIMILLENARIA CITTÀ D’ARTE TRA VINO IN ANFORA, CALANCHI E LIQURIZIA


ATRI – Un viaggio immersivo tra colori, odori e sapori dell’Abruzzo. Per scoprire borghi, prodotti tipici, agricoltura e allevamento, tra paesaggi mozzafiato, natura incontaminata e antiche tradizioni, luoghi e volti ricchi di storia.

La sesta tappa è in provincia di Teramo, ad Atri, trimillenaria città d’arte dell’Abruzzo adriatico, custode di un’antica tradizione legata alla liquirizia, dove si sta recuperando la pratica dell’invecchiamento del vino in anfore d’argilla, e resa unica dai caratteristici calanchi.

Adriano De Ascentiis, storico locale e direttore della Riserva naturale Oasi dei Calanchi, Giorgia Di Egidio, giovane pasticceria pluripremiata, e Francesco Cirelli, viticoltore, accolgono e guidano in questo episodio del Viaggio.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021