A ORTONA SI RIDE CON “IO SONO ABRUZZO”, FEDERICO PERROTTA A “FUORI DAL TOSTI”


ORTONA – Da vero abruzzese fiero delle proprie origini, l’attore Federico Perrotta ama da sempre parlare della sua regione e tornerà a farlo davanti al suo pubblico con il noto spettacolo “Io Sono Abruzzo” precisamente ad Ortona (Chieti) mercoledì 12 agosto alle ore 21,30 a piazza del Teatro.

Si chiama “Fuori dal Tosti” il cartellone di eventi estivi del teatro Tosti di Ortona, gestito dalla Compagnia dell’Alba. In programma prosa, musica e cabaret, che segnano la ripresa dell’attività artistica del teatro, dopo lo stop forzato per l’emergenza coronavirus.

La compagnia ha voluto proporre, in collaborazione con il Comitato manifestazioni ortonesi, una ricca proposta di eventi per questa estate 2020.

L’artista racconterà in chiave comica le vicende dei grandi d’Abruzzo che hanno lasciato la terra natia senza mai dimenticarla ed infatti “Io sono Abruzzo” firmato Uao Spettacoli, scaturisce proprio dalla necessità di comprendere chi è davvero ‘l’abruzzese’: “Questo spettacolo nasce da dove nasce l’Abruzzo, da dove sono nato io – spiega Perrotta nel sottolineare che il suo più grande orgoglio è vedere artisti che partiti da questa terra non hanno mai dimenticato la loro origine – e il fatto è che quando sei figlio di una regione così variegata e così complicata, particolare ed unica come la nostra, a tal punto da pensare che tutta la regione sia un grande paesello, ti porti dietro una grande emozione”.

Proprio sull’onda di questa emozione è nata la voglia di scrivere con Piero Di Blasio, autore e regista di questo spettacolo ed anche lui abruzzese, “perché – prosegue Federico – dovunque nel mondo c’è qualcuno che ho incontrato e che in qualche modo mi ha ricordato la mia regione”.

Alla domanda “perché il titolo dello spettacolo è Io sono Abruzzo e non Io sono abruzzese?” Perrotta risponde “perché quando nasci in un posto così unico e speciale, non sei derivazione di quel posto ma sei quel posto ed io mi sento come ogni abruzzese parte della mia regione nell’animo, ed è una cosa che non potrò mai cancellare”.

In un’ora e mezza piena di risate ed emozioni, Federico Perrotta ripercorrerà l’arte che ha pervaso l’Abruzzo e che è stata tramandata a famosi ed apprezzati artisti del mondo: la voce di Dean Martin, il ritmo di Michael Bublé. Da Ennio Flaiano attinge l’ironia, da Bruno Vespa i nei e da Rocco Siffredi…l’amore per il cinema! E poi si va oltre da Madonna a D’Annunzio, da Henry Mancini con la sua pantera rosa a Rocky Marciano, tante qualità artistiche in un’unica realtà poi trasformata in spettacolo “Io sono Abruzzo”, appunto, che gode anche di musica dal vivo, infatti al pianoforte ci sarà il maestro Claudio Junior Bielli.

L’appuntamento prevede anche un altro momento di grande divertimento sostenuto dalla celebre pagina Facebook “L’Abruzzese fuori sede”; è stato lo stesso Federico a dare maggiori informazioni in un video lanciato per gli utenti: attraverso un contest quei post e quelle condivisioni social che si sono rivelati più originali e divertenti verranno riletti a fine serata e questa interazione coinvolgerà anche il gruppo “agricolo” affiliato alla pagina; ci sarà, dunque un sorprendente momento tutto dedicato a quei post ironici ed emozionali che sono perfettamente in linea con lo spettacolo “Io sono Abruzzo”.

La serata sarà organizzata nel pieno rispetto delle norme previste in seguito all’emergenza sanitaria.

Biglietteria e prenotazioni sono possibili al botteghino del teatro Tosti di Ortona. L’apertura è martedì, mercoledì, venerdì e sabato, dalle ore 18 alle 20, giovedì dalle 10,30 alle 13. Informazioni al numero 085-4212125.

È possibile acquistare i biglietti anche su www.ciaotickets.com.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.