AL CINEMA ZETA DELL’AQUILA “UN DIVANO A TUNISI”, STORIA DI UNA PSICANALISTA IN TERRA ARABA


L’AQUILA – Al CinemaZeta dell’Aquila arriva l’acclamata commedia Un divano a Tunisi, nota anche con il titolo internazionale Arab blues, fresca vincitrice del premio del pubblico al Festival del Cinema di Venezia.

La proiezione è in programma giovedì 22, venerdì 23 e sabato 24 ottobre alle ore 18,00 e alle 20,30, domenica 25 alle ore 16,30, 18,30 e 20,30.

“È la storia divertente e al contempo rivelatrice delle attuali condizioni sociali nel nord Africa di una psicanalista trentacinquenne che decide di tornare ad esercitare nel suo paese di origine, la Tunisia, incontrando non poche resistenze da parte dei suoi connazionali non abituati a relazionarsi in questa maniera e soprattutto con una donna”, dice Piercesare Stagni, critico cinematografico.

“Nemmeno le mutate condizioni politiche e sociali permetteranno alla giovane e brillante Selma di riuscire a praticare la sua professione senza dover lottare per imporsi!”.

“La regista Manele Labidi sceglie di raccontare la vicenda con il sorriso”, rileva Stagni, “e infatti ogni faticosa seduta psicanalitica si rivelerà a modo suo comica se non divertente, dal momento che le resistenze all’apertura psicanalitica sono molto forti e radicate nella società tunisina, il che fa riflettere anche noi su differenze che molto spesso, sbagliando, ignoriamo quasi completamente e che invece caratterizzano una parte importante del mondo”.

“Un film brillante e divertente ma soprattutto intelligente, ben girato e recitato: è difficile oggi assistere a commedie in grado di raccontare , divertire e far riflettere contemporaneamente. E Un divano a Tunisi ci riesce alla grande”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.