AL CONSERVATORIO DI TERAMO MASTERCLASS CON IL MAESTRO GIORGIO RAVAZZOLO


TERAMO – Il maestro Giorgio Ravazzolo protagonista del masterclass dedicato a ‘La Tecnica di F.M.Alexander – Migliora la tua Performance Musicale’ promosso dal Conservatorio statale di Musica ‘Gaetano Braga’ di Teramo.

A causa delle prescrizioni anti-Covid il corso si sta svolgendo tramite la didattica a distanza sulla piattaforma del Conservatorio, ma vede comunque il coinvolgimento interattivo e partecipativo degli studenti collegati che, armati di materassino e tute, prendono parte alla sperimentazione di esercizi posturali e non solo utili a eliminare atteggiamenti fisici errati tipici degli strumentisti e a ottimizzare il proprio rendimento artistico sulla scena.

“Il Covid-19 non ferma le attività del Conservatorio, né quelle legate strettamente alla docenza, ma neanche le iniziative straordinarie, come i Masterclass – ha sottolineato il direttore del Conservatorio ‘Braga’ Tatjana Vratonjic -. Anche nel nuovo anno accademico garantiremo ai nostri studenti tutte le esperienze didattiche molteplici e anche di livello internazionale che abbiamo sempre assicurato, per ora siamo costretti a farlo a distanza, ma presto ci auguriamo di poter tornare a svolgere ogni evento in presenza. Domani e sabato i nostri ragazzi avranno modo di confrontarsi con il maestro Giorgio Ravazzolo che è uno specialista della Tecnica Alexander, ovvero: sappiamo che spesso musicisti professionisti o anche giovani studenti, prima o poi si ritrovano a fare i conti con situazioni di disturbo da stress ripetitivo, stress emotivo, o semplici ‘mal di schiena’ dovuti a cattive abitudini o ‘posizioni scorrette’ che a volte lo strumento musicale impone. In più, con il passare del tempo, il corpo tende a perdere elasticità e capacità espansiva, con la conseguente alterazione dell’assetto”.

“Se non si pone la dovuta attenzione, tutto questo può portare a vari malanni, come scarso rendimento durante la performance, tendiniti, dolori cronici, insonnia e depressione. La Tecnica F.M. Alexander è in grado di risvegliare la propriocezione sottile di cui ha estremo bisogno il musicista, ponendolo nella condizione ideale per meglio esprimersi. Insegna a lavorare sulle proprie inadeguatezze, le proprie tensioni spesso profonde e quasi impercettibili, in modo da poter evitare o correggere errori ‘posturali’ con immediatezza. Questa disciplina ha una comprovata base scientifica, basti pensare che è stata inserita nelle linee guida della Nice-National Institute for Health and Care Excellence, e vari studi hanno dimostrato che la Tecnica Alexander, a differenza di altri metodi, come Yoga, Chiropratica, Pilates, o esercizi guidati, porta benefici a lungo termine ai dolori cronici, diminuisce l’ansia da prestazione, equilibra la pressione sanguigna, la funzione respiratoria, e il sistema cardiocircolatorio. Inoltre, è l’unica disciplina psicofisica che rivolge grande attenzione su come la persona usa se stessa, mentre svolge le normali azioni quotidiane e quelle dove ha bisogno di una coordinazione più complessa e sottile, come quando deve suonare su un palcoscenico”.

Il corso si è aperto ieri e si chiude oggi, e i partecipanti sono stati invitati a indossare vestiti comodi e a dotarsi di un tappeto o materassino per sdraiarsi, e alcuni libretti da usare come appoggio per la testa.

Durante il corso, infatti, il maestro Ravazzolo fa conoscere la disciplina nei suoi elementi fondamentali, coinvolgendo gli studenti in alcuni esercizi pratici, per poter essere incuriositi a seguire un percorso che induca a un equilibrio e un coordinamento psicofisico di cui ha bisogno il proprio corpo dimostrando ai musicisti come imparare ad aumentare la loro consapevolezza d’ascolto per una concezione più chiara dell’intenzione musicale e ad affrontare il problema del panico scenico.

Ravazzolo è nato a Padova, diploma nel 1982 in Flauto Traverso al Conservatorio di musica ‘Pollini’, per poi proseguire gli studi musicali al Conservatorio Superiore di Winterthur in Svizzera con Conrad Klemm conseguendo il ‘Konzertdiplom’. Nel maggio 1987 ha iniziato il corso triennale di formazione per insegnanti di ‘Alexander Technique’ presso la classe di Patrick MacDonald e Shosana Kaminitz, a Londra, conseguendo nel 1990 il diploma di insegnante con certificazione S.T.A.T – The Society of Teachers of the Alexander Technique nel ‘Centro Italiano di Tecnica Alexander’, sotto la guida di Frances Robinson.

E dal ’90 ha iniziato a insegnare la Tecnica Alexander, mentre come flautista ha collaborato con varie orchestre, gruppi da camera e di musica contemporanea. Dal 2000 al 2007 è stato assistente presso la ‘Scuola Italiana di formazione per insegnanti di Tecnica F. M. Alexander’ e ha svolto numerosi seminari per allievi e docenti in altrettanti Conservatori e Istituti Musicali a Novara, Reggio Calabria, Padova, Vicenza, Rovigo, Sassari, Trento. Dal 2008 svolge regolarmente seminari annuali di Tecnica Alexander per gli studenti di ‘Bachelor and Master of Arts’ presso il Conservatorio della Svizzera Italiana a Lugano e oggi insegna flauto presso il Liceo musicale e Scuole Medie ad indirizzo Musicale di Padova.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021