CHIUDE “CARTOONS ON THE BAY”, APPUNTAMENTO A GIUGNO A PESCARA


L’AQUILA – Mentre al cinema Movieplex dell’Aquila era ancora in corso l’anteprima mondiale de La buona strega di Natale, film del regista Francesco Cinquemani con tra i protagonisti William Baldwin, Tom Arnold e Cristina Moglia, il direttore artistico di Cartoons on the Bay, il Festival dell’animazione crossmediale e della tv dei ragazzi promosso dalla Rai e organizzato da Rai Com in collaborazione con RaiPlay che ha visto sfilare oltre 300 opere di 40 Paesi diversi, è già pieno di idee per la prossima edizione si terrà a Pescara dall’1 al 5 giugno.

“Innanzitutto voglio far incontrare anche dal vivo al pubblico – spiega all’Ansa – i grandi personaggi di questa edizione e per questo li inviterò tutti. Abbiamo avuto dei veri ‘mostri sacri’ come Fusako Yusaki, maestra dell’arte dell’animazione a passo uno in plastilina entrata nella nostra Hall of Fame e poi i due re dei videogiochi Tommy Tallarico e Goichi Suda, ancora Andrea Cascioli che da 30 anni disegna Nathan Never e ha realizzato il nostro bellissimo poster e Nicola Guaglianone, sceneggiatore di Lo chiamavano Jeeg Robot, Freaks Out, La befana vien di notte. Senza dimenticare Lev Manovich e Henry Jenkins, esperti di comunicazione transmediale, che per primi hanno ideato il concetto di Fanfiction. Così come tutte le giurie internazionali che per due anni hanno lavorato da remoto e meritano di conoscere il pubblico”.

Inoltre Genovesi per questa grande ripartenza in presenza ha già le idee chiare anche sul Paese ospite: “La nostra industria dell’animazione, seppur con risultati migliori di tante altre nazioni, ha avuto un contraccolpo negativo e per questo in via paradossale vorrei che l’Italia stessa fosse il Paese ospite del 2022. E vorrei chiamarlo non Made in Italy ma Made of Italy cioè non solo tutti gli autori italiani che sono in Italia ma anche chiamando tutti gli autori nostrani che hanno avuto successo nel mondo e che lavorano nella grandi aziende mondiali da Disney a Pizar etc etc”.

Anche il tema scelto è forte e delicato allo stesso tempo: “Vorremmo parlare di come l’animazione – dice Genovesi – sta affrontando il tema della fluidità di genere, con veri veri e propri esperti di settore confrontando produttori animatori e psicologi anche per capire se è un tema che si può già proporre ai giovanissimi oppure se si deve eventualmente aspettare un’età più matura. Non è quindi assolutamente una presa di posizione del festival su questo argomento né a favore né contro ma vogliamo affrontarlo grazie all’aiuto degli esperti e con un panel articolato. Su questo argomento stiamo lavorando anche con molti festival, non dell’animazione, del mondo”.

Grande soddisfazione per i premi di questa edizione da parte della Rai che ha vinto ben quattro Pulcinella Awards con “Gli Acchiappagiochi”, “Nina & Olga”, “AcquaTeam-Missione Mare” e “Mila”: “Si tratta di un risultato mai raggiunto nei 25 anni di vita del Festival – sottolinea Rai Ragazzi – a testimonianza della crescita dell’animazione italiana con il sostegno della Rai”.

Su Mila, scritta e diretta da Cinzia Angelini che parla dei bombardamenti che colpirono Trento nel 1943, il direttore di Rai Ragazzi Luca Milano ha detto: “Una storia che parla di pace e ripresa selezionata in ben 106 festival e manifestazioni, e che ha già vinto 42 premi ed è in considerazione anche per gli Oscar”.

Premiata per la miglior colonna sonora Yaya and Lennie – The Walking Liberty (Mad Entertainment, Rai Cinema).

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022