IL COLIBRÌ ENSEMBLE ALL’AURUM CON LE PIÙ BELLE COLONNE SONORE DELLA STORIA DEL CINEMA


PESCARA – Torna a Pescara la grande musica firmata Colibrì Ensemble. Dopo lo stop forzato dei mesi scorsi, finalmente l’Orchestra da Camera di Pescara torna a calcare il palcoscenico, domenica 12 e (in replica) lunedì 13 luglio, con un concerto dedicato alle più belle colonne sonore della storia del cinema: “Il Cinema in musica – I classici del grande schermo”, un spettacolo all’aperto nell’affascinante cornice del piazzale Michelucci, all’interno dell’Aurum (ore 21,30).

Il concerto sarà dedicato alla memoria del maestro Ennio Morricone, recentemente scomparso.

L’orchestra ha suonato insieme l’ultima volta una settimana prima del lockdown, in uno dei concerti della stagione al Flaiano.

“Nulla ovviamente lasciava presagire quanto poi accaduto – dice in una nota il maestro Andrea Gallo musicista e fondatore del Colibrì Ensemble – ci siamo salutati come al solito abbracciandoci sul palcoscenico a fine concerto, convinti di rivederci qualche settimana dopo. Ora sarà davvero emozionante poter suonare di nuovo insieme”.

L’orchestra coinvolge musicisti provenienti da tutta Italia, insieme ad alcuni tra i migliori talenti della nostra regione. In Abruzzo il Colibrì sarà una delle prime orchestre a esibirsi dal vivo dopo l’emergenza sanitaria, dando il proprio contributo alla ripartenza della musica a Pescara.

“In tanti ci hanno chiesto di ripartire quanto prima – continua Gallo – è bello aver toccato con mano l’affetto del pubblico verso la nostra orchestra. A diverse persone è mancato l’appuntamento con i concerti e questo è un ottimo segno, un esempio di come la musica e la cultura siano vitali per la società. Un’orchestra rappresenta un’istituzione della città e ha il dovere di incoraggiare, emozionare e mettersi al fianco del proprio pubblico, anche in momenti difficili come questo”.

“Come medico, ammiro il sacrificio di tanti miei colleghi durante questa emergenza – aggiunge la dottoressa Gina Barlafante, presidente dell’orchestra – ma al tempo stesso sono consapevole di quanto siano altrettanto importanti l’aiuto e la speranza che la musica è in grado di dare alla società. Credo non ci sia momento più adatto per affermare che noi dottori siamo ‘i medici del corpo’, ma i musicisti sono ‘i medici dell’anima’”.

Il concerto cade a pochi giorni dalla scomparsa del maestro Ennio Morricone, la cui musica era già ampiamente prevista nel programma della serata.

“Ci sono grandi artisti che sembra non debbano morire mai – aggiunge Gallo – e il maestro Morricone era uno di questi. Resterà vivo per sempre attraverso le sue indimenticabili colonne sonore. Insieme ai musicisti abbiamo deciso di dedicare a lui il ritorno sul palcoscenico dell’orchestra”.

Il Colibrì dunque riparte con un doppio appuntamento estivo, domenica 12 e (in replica) lunedì 13 luglio. “Inizialmente avevamo preventivato una sola data – spiega la Barlafante – ma poi le numerose adesioni che abbiamo riscontrato e la necessità di mantenere il corretto distanziamento sociale richiesto dalla normativa, ci ha spinto a programmare una replica”.

È inoltre in preparazione il nuovo cartellone per la Stagione 2020-2021, in programma da ottobre 2020 ad aprile 2021 ed è iniziata la campagna abbonamenti con la promozione “Abbonamento al buio”, che consente di acquistare gli abbonamenti a un prezzo ridotto, prima che il nuovo cartellone venga rivelato.

Biglietti e abbonamenti per la prossima stagione sono disponibili nei punti vendita: Arte Pentagono (via Trento, 20 Pescara), Centro Abaton (via Caravaggio, 127 Pescara), Contiene Solfiti (via Falcone e Borsellino, 20 Pescara), Outlet Città Sant’Angelo Village (sede dell’orchestra).

Informazioni e abbonamenti agli indirizzi www.colibriensemble.it o www.ciaotickets.com o al numero 328-3638738.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.