“IL JAZZ A SCUOLA DAL PALCO”, ALL’AQUILA LEZIONI-CONCERTO PER LE SCUOLE

foto Michele Bordoni

L’AQUILA – L’Aquila sarà una delle città italiane che, venerdì 30 aprile, ospiterà la manifestazione “Il Jazz a scuola dal palco”, organizzata dalle associazioni “Il Jazz va a scuola” e “Italia Jazz Club”.

La data non è stata scelta casualmente: il 30 aprile, infatti, è la giornata del jazz Unesco. Al Palazzetto dei Nobili, alle 9,30 e in replica alle 11,30, si svolgeranno delle lezioni-concerto con la collaborazione dell’Associazione culturale Teatro Opera Project, del gruppo musicale Crazy Stompin’Club e dell’Istituto Comprensivo Dante Alighieri, con il patrocinio del Comune dell’Aquila.

Le lezioni saranno trasmesse in streaming nazionale per le classi quarta e quinta elementari (primarie) e avranno, come titolo, “Il bambino che inventò il jazz”. Verranno raccontate le origini del Jazz, attraverso storie divertenti, aneddoti e leggende metropolitane di un ragazzino nato dalla miseria di New Orleans, finito in riformatorio per la sola colpa di essere nero e diventato un musicista, scrittore, attore di cinema, artista a tutto tondo di fama mondiale, nonché cittadino sostenitore dei diritti civili, sperimentatore di tecnologie, creativo che lavora sul linguaggio e sulle immagini: Louis Armstrong.

I testi sono di Antonio Marinelli, l’adattamento per i ragazzi a cura di Ilaria Micari e Angelo Bernardi, la narrazione di Ilaria Micari. Insieme ai musicisti del Crazy Stompin’ Club (Rita Sebastiani, voce; Valeria Federici, voce; Marta Pietrosanti, voce; Antonio Marinelli, sax, arrangiamenti; Giulio Filippetti, tromba; Giorgio Filippetti, trombone; Mattia Marrone, piano; Angelo Bernardi, contrabbasso; Davide Russo, batteria) suoneranno i ragazzi della classe 3^ A dell’Istituto comprensivo Dante Alighieri.

L’iniziativa in questione consoliderà ulteriormente il ruolo dell’Aquila come centro nazionale e internazionale della musica jazz, visti gli eccellenti risultati raggiunti dal festival “Il jazz italiano nelle terre del sisma”, che già da diversi anni, a inizio settembre, raduna nel capoluogo abruzzese i migliori musicisti di questo genere.

Nel rispetto delle norme anti Covid, le lezioni concerto, purtroppo, non possono essere aperte al pubblico.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021