IL TRIO DI PARMA ALL’AQUILA PER LA STAGIONE ESTIVA DELLA “BARATTELLI”


L’AQUILA – Torna il Trio di Parma nel cartellone della Società Aquilana dei Concerti “Bonaventura Barattelli” per proseguire un progetto di esecuzione dei “Trii Slavi” che si articola in più stagioni concertistiche. Il percorso è iniziato il 10 novembre 2019 ed il secondo concerto era programmato per il 2020 poi rinviato a causa dell’emergenza sanitaria. Finalmente l’appuntamento è per domenica 9 maggio all’Auditorium del Parco con inizio alle ore 16,30.

In programma capolavori del repertorio per trio di autori russi che hanno caratterizzato la storia musicale con il loro stile e la loro poetica.

?ajkovskij compose il Trio in la min. op. 50 nel primo anniversario della morte dell’amico Nikolai Rubinštejn avvenuta il 23 marzo 1881 e l’episodio segnò profondamente la sua sensibilità tanto da definire il primo movimento dell’opera come “Poema elegiaco”. Lo stesso aggettivo si ritrova nel titolo dell’opera di Rachmaninov che a soli diciannove anni, nel gennaio 1892 scrisse il suo “Trio élégiaque” in sol min. op. 1. Lo stile della scuola nazionale russa si fa interprete della lirica malinconica, cuore pulsante della poetica slava. In programma anche il trio in do min. n. 1 op. 8 di Šostakovi? che, pur se di un altro tempo e contesto storico dei precedenti, mantiene la forte e persuasiva carica poetica e musicale.

Il Trio di Parma, uno degli ensemble cameristici più prestigiosi in Italia con riconoscimenti importanti anche all’estero, è composto dal violinista Ivan Rabaglia, che suona su un prezioso violino realizzato da Giovanni Battista Guadagnini a Piacenza nel 1744, dal violoncellista Enrico Bronzi, con uno strumento di Vincenzo Panormo costruito a Londra nel 1775 ed il pianista Alberto Miodini.

Il Trio si è costituito nel 1990 nella classe di musica da camera di Pierpaolo Maurizzi al Conservatorio “Boito” di Parma ed in pochi anni si è imposto sulla scena internazionale con una notevole attività discografica e concerti con i più grandi artisti del mondo. Il trio è impegnato anche a livello didattico nei Conservatori di Novara, Gallarate, al Mozarteum di Salisburgo, alla Chamber Music Academy di Duino e alla Scuola di Musica di Fiesole.

Il terzo concerto dedicato ai “Trii slavi” è programmato per la prossima stagione concertistica 2021/2022.

Ogni concerto del Trio di Parma è stato sempre molto apprezzato dal pubblico per l’altissimo livello, l’originalità interpretativa e il coinvolgimento che riesce a creare.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021