JOVA BEACH PARTY PRONTO A INFIAMMARE LA SPIAGGIA DI MONTESILVANO


MONTESILVANO – Sabato 7 settembre Montesilvano (Pescara) ospiterà il Jova Beach Party, una giornata con la festa che ha già travolto il pubblico delle 14 spiagge precedenti e di Plan de Corones conquistando tutta la penisola con oltre 450 mila spettatori.

La tappa abruzzese era originariamente prevista per il 17 agosto a Vasto (Chieti).

La “nuova era” del live entertainment di Lorenzo Jovanotti infatti, ha conquistato travolto emozionato fatto ballare e cantare il pubblico di Rimini, Castel Volturno, Marina di Cerveteri, Barletta, Olbia, Viareggio , Lido di Fermo, Praia a Mare, Roccella Jonica, Policoro, Lido degli Estensi, e il pubblico dell’unica tappa montana a Plan de Corones dove originariamente avrebbe dovuto chiudersi il tour.

A fronte del grande successo sono state aggiunte a grande richiesta le due tappe di Lignano Sabbiadoro e di Viareggio (31 agosto), mentre è fissato a Milano Linate, nella location unica dell’aeroporto chiuso per lavori di rinnovamento, la tappa finale del “Volo JBP2019 – Ultima chiamata”.

Spiaggia, mare, la Woodstock del nuovo tempo con la musica di Lorenzo e dei suoi ospiti – si legge in una nota – è una nuova pagina nella storia degli show musicali e una nuova frontiera per la produzione e l’organizzazione, curata da Maurizio Salvadori per Trident Music, che da più di trent’anni lavora su tutti i live di Lorenzo con il suo storico manager Marco Sorrentino.

Un’intera giornata in spiaggia che resterà tatuata nelle menti e nei cuori della gente di Lorenzo, che mai come in questo caso ha risposto da subito con grande entusiasmo! Un senso di rinascita pervade l’intero progetto: trasformare la spiaggia-confine con la musica significa riempirla di contenuti, che trasformano quel confine in un luogo di incontro e di scambio, anziché in una barriera. A 50 anni dallo sbarco sulla Luna, il Jova Beach è la Luna di Lorenzo e realizzare questo progetto ha pervaso tutti coloro che lavorano a questa impresa di un sentimento di orgoglio e di gratitudine.

Un lavoro di preparazione complesso e accurato realizzato con la collaborazione costante delle istituzioni territoriali e con il Wwf, che ha ispirato molte scelte strategiche nel rispetto per l’ambiente e che al Jova Beach Party informerà e sensibilizzerà attraverso il Wwf Summer Plastic Quiz, e con la Guardia Costiera, che presiede e garantisce la sicurezza della balneazione al Jova Beach.

Un’occasione di massimo impegno per sensibilizzare le migliaia di persone che parteciperanno ai concerti e l’opinione pubblica, sull’emergenza dell’inquinamento da plastica in Natura e per promuovere l’adozione di uno stile di vita sostenibile.

Jova Beach Party, infatti, è il primo grande evento live in Italia che applica la raccolta differenziata dei rifiuti e che si pone il grande obiettivo di promuovere un comportamento attento all’ambiente e un uso consapevole della plastica.

Sul palco con Lorenzo Saturnino, Riccardo Onori, Christian “Noochie” Rigano, Gianluca Petrella, Franco Santernecchi, Leo Di Angilla.

Ogni festa è diversa, ogni giornata unica e irripetibile, in riva al mare con un palco grande e due palchi off (#jovastage #kontikistage e #sbamstage) dove nascerà la musica sempre diversa e sempre da ballare per celebrare il fatto di essere insieme, vivi come il mare. Lorenzo: “Non ci sarà una scaletta fissa – dice – ogni giornata sarà diversa, saliamo sul palco attacchiamo gli strumenti, accendiamo la consolle e partiamo”.

Il Jova Beach Party è progettato e realizzato da Lorenzo con Sergio Pappalettera per Studio Pro Design, Claudio Santucci per Giò Forma e Andrea Staleni che ne cura la produzione con Soup 2 Nuts.

Una festa per tutti, un allestimento artistico di grande impatto emotivo, realizzato con il supporto di grandi professionisti e di grandi aziende partner, selezionate nella massima condivisione di obiettivi di tutela e di rispetto per l’ambiente.

Al Jova Beach lavorano il light designer internazionale Paul Normandale che rinnova il suo impegno con Lorenzo dopo le 67 date del tour nei palazzetti e Pino “Pinaxa” Pischetola il gran maestro di tutti i sound engineer.

Il progetto rappresenta uno sforzo unico in termini economici e produttivi, ma anche un’occasione per trascorrere una giornata in famiglia grazie ai prezzi dei biglietti volutamente contenuti (mediamente inferiori del 30% rispetto al mercato dei concerti tradizionali) con addirittura il biglietto gratuito per i bambini fino agli 8 anni (per cui è indispensabile fare richiesta attraverso il sito http://www.tridentmusic.it/news/bambini-al-jova-beach-party-2019-tutte-le-info.html).

Obiettivi essenziali nel progetto di Lorenzo, reso possibile anche dal sostegno di alcune aziende partner che con il loro talento, la loro tenacia e la loro competenza rendono il villaggio del Jova Beach una sorta di parco dei divertimenti “intelligente”.

Si potrà bere e mangiare, ma anche ricaricare il cellulare pedalando, o imparare a realizzare accuratamente la raccolta differenziata grazie a tutte le iniziative ludiche e didattiche nate dalla collaborazione con il Wwf.

Si potranno conoscere le nuove frontiere della mobilità elettrica, ma anche scatenarsi in gare di ballo. Si potrà godere della giornata di musica ascoltando la Jova Beach Radio by Radio Italia, ma anche vivere momenti unici dello show grazie alla speciale tecnologia 5G.

Gustare la frutta bio o sorseggiare un drink, farsi un tatuaggio temporaneo, partecipare ad una caccia al tesoro, divertirsi con il twisterone o con i giochi d’acqua; e ancora partecipare ad una seduta di power yoga o fare un salto alla beauty station, per ricomporsi dopo il bagno.

O anche avere un 33 giri che nasce dalla plastica riciclata con una speciale “traccia musicale dal Jova Beach”. E si potrà anche scattare una foto indimenticabile alle sculture presenti in esclusiva sulle spiagge del Jova Beach. Come la famosa Onda di plastica. O come gli elementi scenografici che arredano la grande sala del Jova Beach.

Il Jova Beach Party è anche buon cibo. Ci saranno infatti i food truck selezionati da Filippo Polidori, in base a requisiti di qualità e di sostenibilità, con cibo buono per tutti i gusti e prezzi giusti.

Grande attenzione per la proposta alimentare coordinata da Filippo Polidori, Food Guru del Jova Beach Party, con sette speciali food track, che completano l’offerta dei punti di ristorazione più tradizionali curati da Fabrizio Celli. Al Jova Beach si potranno gustare il sushi, i panini gourmet, la pizza romana, i panini con la carne, ma anche la cucina vegana, gli arrosticini e una grande varietà di frutta bio.

Essendo vietata dalla legge la possibilità di introdurre nei luoghi di spettacolo contenitori chiusi, e non potendo contare in tutte le spiagge sull’allaccio di acqua potabile, l’acqua sarà distribuita in bottigliette da 0,50 litri (1,50 euro, il prezzo più basso applicato nelle manifestazioni pubbliche) che saranno riciclate al 100% e trasformate in coperte di pile, donate ad associazioni di volontariato per le persone bisognose, e in set di magliette per fare sport da regalare ad associazioni sportive, in ciascuna delle tappe toccate dal Jova Beach.

Con le altre plastiche (per esempio, quella degli imballi obbligatori) saranno realizzate arredi urbani per i comuni ospiti e passerelle per l’accesso in spiaggia per persone con disabilità.

Trident Music invita il pubblico a non acquistare i biglietti sui siti di bagarinaggio on-line: non hanno alcun tipo di rapporto con l’organizzazione, non garantiscono la consegna dei biglietti e danno informazioni false o comunque non chiare sui reali prezzi di ingresso, sugli orari e sulle capienze.