LA PERSONALE DELL’ARTISTA TERAMANO D’IGNAZIO NELL’OPEN SPACE DELLA CARTOLERIA FERELLA

MOSTRA_FERELLA_DIGNAZIO_2

L’AQUILA – Una mostra di pittura nello spazio esterno della Cartoleria Ferella con le opere dell’artista teramano Enzo D’Ignazio.

Una novità assoluta per la storica “boutique” della scrittura e delle arti grafiche di via Madonna di Pettino che ha messo a disposizione, per tutto il periodo delle festività, uno spazio espositivo dove è possibile ammirare la personale firmata D’Ignazio dedicata al tema dell’accoglienza.

Protagonista del linguaggio pittorico dell’artista teramano è il colore, acceso, esuberante, a tutto campo, con tecniche di contrasto a olio su tela. Colore che diventa messaggio, stato d’animo, metafora di una denuncia, il tema è quello dell’accoglienza, spiega l’autore autodidatta a Virtù Quotidiane.

D’Ignazio si avvicina all’arte pittorica negli anni Settanta, dopo una lunga esperienza nel mondo del teatro, anche quello della Comedie francaise, dove conosce Jean Louis Barreaut, attore, regista e mimo, direttore del teatro Odeon di Parigi fino al 1968.

Tra le esperienze più significative di D’Ignazio, la collaborazione con il maestro Piero Dorazio, nome di spicco della corrente italiana dell’astrattismo, con il quale ha partecipato, nei primi anni Novanta, alla mostra Extra Moenia presso la galleria Rizziero Arte di Teramo. (d.brac.)

LE FOTO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022