LA PESCASSEROLI ANNI SETTANTA IN UNA SERATA CON LA TRIBUTE BAND DI MOGOL-BATTISTI


PESCASSEROLI – Sarà il sindaco Luigi La Cesa, insieme alla giornalista Sonia Paglia, a raccontare la Pescasseroli (L’Aquila) anni Settanta nel corso del concerto dei Prendila così, tribute band di Mogol-Battisti in programma domani sera, 20 agosto, inizio 21,30 circa a Piazza Vittorio Emanuele II, nel pieno rispetto delle norme anti-Covid 19.

L’evento rientra in una rassegna culturale curata dalla Associazione Pro-loco presieduta da Gaetano Tarquinio e dall’amministrazione comunale di Pescasseroli.

L’obiettivo dichiarato è quello di riportare la musica dal vivo nei luoghi più tipici della città anche attraverso la memoria fotografica.

“Spero”, dice il presidente Tarquinio in una nota, “che questi eventi servano anche a dare nerbo al commercio e al turismo tutto dopo i terribili mesi della clausura forzata”.

La serata vedrà l’esibizione dei Prendila così, una delle prime tribute band di Mogol/Battisti nata in Abruzzo circa 15 anni fa. Il nome rimanda ad una loro canzone tratta dall’album: “Una donna per amico”; del lontano 1978.

Il gruppo base è composto da 5 elementi: Paolo De Carolis voce e chitarra ritmica; Andrea Faieta chitarra solista, cori e arrangiamenti; Andrea Micarelli tastiere, arrangiamenti e cori; Valerio De Carolis basso elettrico; Francesco Troiano batteria e arrangiamenti.

Il repertorio è ricco e variegato con incursioni in tutte le raccolte relative, però, solo al mitico ed indimenticabile binomio artistico Mogol-Battisti.

Nel corso dello spettacolo le canzoni eseguite vengono introdotte da un breve cenno sulla loro genesi e con qualche richiamo ai principali fatti di cronaca di quel periodo, attraverso immagini piuttosto inedite. I brani,pur mantenendo una certa fedeltà con gli originali, sono stati talvolta rielaborati con alcune, leggere contaminazioni Rock e Blues.

Tante le collaborazioni con i grandi della musica leggera italiana, tra questi, la più importante resta quella con il maestro Giulio Rapetti Mogol chela band ha accompagnato in alcuni spettacoli pubblici.

Singolare è, senza dubbio, il progetto che questo sodalizio musicale porta nei principali teatri italiani con “Giulio, Lucio e tu”; un lavoro a quattro mani firmato da Graziano Gabriele, Flavio, Paolo e Valerio De Carolis che, attraverso il filo narrativo delle loro canzoni, si ricostruisce la vicenda umana e professionale del Lucio di Poggio Bustone.

Dopo Pescasseroli la band abruzzese avrà diversi altri impegni, per conoscere ogni dettaglio basta seguire la pagina Facebook: Prendila così tribute band di Mogol Battisti e il profilo Instagram.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2020